Quando sei Rihanna puoi rifiutare molte hits, ecco 10 canzoni che sono state proposte prima a lei!

Nell’industria musicale di oggi, ormai le capacità canore da sole spesso non bastano per riuscire a costruire una carriera duratura e di successo, ma è necessario possedere anche altre qualità, indispensabili per fare la differenza. Una di queste è sicuramente l’ “orecchio per le hit“, ovvero la capacità di cogliere le potenzialità di una demo che viene proposta e trasformarla in un grande successo, portando così alla luce il valore nascosto del brano.

Chi spesso ha mostrato di possedere questa abilità è la popstar Rihanna e il suo team, che sono sempre stati in grado di assicurarsi il materiale migliore che i vari autori e producer le proponevano, infatti due dei suoi più grandi successi del suo repertorio, “Umbrella” e “We Found Love“, erano state proposte ad artisti come Britney Spears, Mary J. Blige, e altri, prima che finissero tra le mani della bella cantante delle Barbados.

Per ogni progetto di Rihanna i produttori e gli autori coinvolti, le collaborazioni richieste ed il materiale proposto sono tantissimi, e questo fa sì che inevitabilmente molte di queste tracce vengano scartate e, successivamente, cantate da altri.

rihanna

In attesa del nuovo disco, “ANTi” la cui data di uscita è ancora ignota, vi vogliamo parlare di 10 canzoni che sono state “rih-fiutate“, cioé rifiutate da Rihanna, e che sono state poi cantate da altri interpreti. Per ogni brano verrà specificato il peak, cioé la posizione più alta raggiunta, nelle classifiche degli Stati Uniti e del Regno Unito, due dei maggiori mercati discografici. Buona lettura.

Sia – Chandelier

La cantante australiana Sia Furler, che negli ultimi anni ha collaborato con moltissime star della musica internazionale (da Christina Aguilera a Britney Spears, passando per Katy Perry e Shakira), nel 2012 firmò per Rihanna “Diamonds“, primo singolo estratto da “Unapologetic“. Oltre a scrivere per altri, Sia nel 2014 ottenne un successo straordinario con la canzone Chandelier“.

Appena il singolo fu rilasciato in molti notarono una certa reminiscenza dello stile che Rihanna ci aveva proposto con “Diamonds” (stile, se vogliamo, preso in prestito proprio dai precedenti lavori di Sia), e effettivamente il pezzo poteva davvero essere ceduto a Rihanna. Infatti l’autrice rivelò in un’intervista che aveva scritto “Chandelier” in studio improvvisando al piano, e che il pezzo le sembrava perfetto per la cantante di “Stay”. Il pezzo, grandioso con la sua base altisonante e i suoi vocal emotivi, sarebbe stata eseguita in maniera perfetta da Rihanna.

Peak U.S.A.: #8; Peak UK: #6.

Major Lazer – Lean On Ft. MØ & DJ Snake

Anche “Lean On“, coinvolgente pezzo che fonde sapientemente dancehall e musica eletronica, nonché uno dei più coinvolgenti successi di quest’anno, poteva essere cantato da Rihanna. Uno dei producer del collettivo, Diplo, che al tempo della realizzazione del brano era anche al lavoro su materiale per il progetto di Rihanna, ha affermato durante un’intervista per il Time, che il pezzo, scritto con la cantante danese (che poi ha anche prestato la voce), era stato inizialmente proposto proprio a Rihanna, che però lo rifiutò e, successivamente anche a Nicki Minaj. Ad onor del vero però, lo stesso Diplo ha rivelato che la demo di “Lean On” proposta alle due cantanti era una slowtempo raggae leggermente diversa dalla versione finale che tutti conosciamo.

Peak U.S.A.: #4; UK: #2.

Miley Cyrus – We Can’t Stop

Nel 2013 l’ex bambina prodigio Miley Cyrus decide di togliersi di dosso l’immagine da ragazzina e di proporci una versione più matura e provocatoria di sé con il disco “Bangerz“. We Can’t Stop, il primo singolo estratto dall’album, è il brano scelto per presentarci questa “nuova Miley”, ma le cose sarebbero potute andare diversamente. Il duo Rock City, che assieme a Mike Will Made It realizzò la midtempo pop-n-B, ha rivelato che, dopo aver scritto il brano, aveva colto il potenziale dello stesso, adatto a diventare un primo singolo, e aveva deciso di proporlo a Rihanna ma alla fine Miley riuscì ad ottenerlo per il suo comeback.

Peak U.S.A.: #2; Peak UK: #1.

Selena Gomez – Come And Get It

Stesso anno, altra ex-bambina prodigio, altro comeback, altro pezzo “rih-fiutato”. Selena Gomez nel 2013 ritorna sulle scene musicali con “Come And Get It“, canzone scritta da Ester Dean e prodotta dal duo StarGate che fonde europop con elementi di musica indiana e contaminazioni dubstep. La traccia, che la Gomez decise di pubblicare come primo singolo, era stata però originariamente proposta (e scartata per motivi sconosciuti) a Rihanna per il disco “Talk That Talk”, come riportano varie fonti. Non sarebbe in realtà l’unico singolo di Selena che sarebbe potuto finire nelle mani di Rihanna: tempo fa infatti la l’interprete condivise su twitter parte del testo di “Same Old Love“, canzone scritta da Charli XCX (che avrebbe lavorato ad “ANTi”).

Peak U.S.A.: #6; Peak UK: #8.

Grimes – Go Ft. Blood Diamonds

Molto apprezzata dalla critica con i suoi progetti, ma ancora fondamentalmente sconosciuta al grande pubblico, l’artista canadese Grimes firmò nel 2014 un contratto con la casa discografica Roc Nation e ben presto annunciò su twitter di aver proposto al team di Rihanna una traccia differente dai suoi lavori precedenti, che però venne scartata dalla popstar. Venne poi rivelato che si trattava “Go”, coivolgente uptempo electro e dubstep, caratterizzata da un beat infettivo e martellante e dalla performance vocale quasi eterea di Grimes.

Peak U.S.A.: N/C; Peak UK: N/C.

Pitbull – Timber Ft. Ke$ha

Tra un era discografica e l’altra, si sa, il modo migliore per rimanere rilevanti è prestarsi a qualche collaborazione. Tra fine 2013 e inizio 2014, Rihanna duettò con due mostri sacri della musica pop odierna, Eminem e Shakira, rispettivamente in “The Monster” e “Can’t Remember To Forget You“. Nello stesso periodo però, la star rifiutò di partecipare ad un altro grande successo: “Timber” di Pitbull. Il cantante ha infatti dichiarato in un intervista che il ritornello del brano, cantato da Ke$ha, avrebbe dovuto essere realizzato proprio da Rihanna, la quale però non poté prendervi parte per mancanza di tempo.

Peak U.S.A.: #1; Peak UK: #1.

Jordin Sparks – Battlefield

Torniamo indietro nel tempo, nel lontano 2009 esattamente. Una delle coppie più seguite del musicbiz è formata da Chris Brown e Rihanna, ma, come tutti sanno, durante la notte dei Grammy Awards di quello stesso anno Chris picchia selvaggiamente la ragazza e così questa storia d’amore conosce il più brutto dei finali. Tra le tante conseguenze di questa sfortunata vicenda, i brani che erano stati presentati ai due come possibili duetti vengono cancellati e/o dati ad altri interpreti. Questa è la sorte che subì anche “Battlefield“, intensa midtempo a metà strada tra R&B e pop prodotta da Ryan Tedder e The Runners, che era stata originariamente proposta alla coppia ma che venne poi offerta a Jordin Sparks, la vincitrice di American Idol VI.

Peak U.S.A.: #10; Peak UK: #11.

Beyoncé – Pretty Hurts

Parliamo nuovamente di Sia. Oltre ad aver composto le già citate “Diamonds” e “Chandelier”, l’artista australiana è l’autrice di “Pretty Hurts“, traccia d’apertura dell’omonimo disco di Beyoncé rilasciato a sorpresa a Dicembre del 2013. Durante un’intervista Sia ha reso noto il fatto che, prima che finisse nelle mani della cantante texana, la canzone era stata proposta al menagement di Katy Perry, che non aveva letto la mail, e, a quello di Rihanna, che si era mostrato fortemente interessato per ben otto mesi senza però effettuare tutti i pagamenti del caso. Non si tratta quindi di un pezzo rifiutato in senso stretto, ma rientra in questa categoria di canzoni che Rihanna avrebbe potuto interpretare.

Peak U.S.A.: #113; Peak UK: #63.

Drake – Find Your Love

Il rapper e frequente collaboratore di Rihanna, Drake, è un’altro artista che deve un suo successo ad un rifiuto della popstar barbadiana. Uno dei primi singoli di Drake rilasciati tramite una major discografica è “Find Your Love“, midtempo caratterizzata da elementi sinthpop e R&B estratta dal suo album di debutto “Thank Me Later“. Il produttore del pezzo, Jeff Bhasker, ha rivelato tempo fa che il pezzo di chiara ispirazione “(Kanye) West-iana” era stato originariamente scritto per l’album “Rated R”, ma venne rifiutato e successivamente offerto al rapper di Detroit.

Peak U.S.A.: #5; Peak UK: #24.

Usher – DJ Got Us Fallin’ In Love Ft. Pitbull

E’ quasi sorprendente il fatto che Rihanna non abbia ancora collaborato con il super producer Max Martin, ma ciò non dipende da quest’ultimo. Tra le varie canzoni che erano state proposte a Rihanna durante la lavorazione di “Loud”,  molti affermano che Max Martin inviò “DJ Got Us Fallin’ In Love”, uptempo dance celebrativa dei dancefloor e dei club. Nonostante la canzone ricordasse nel testo e nella produzione l’euforica hit “Please Don’t Stop The Music” (o forse proprio per quello), Rihanna e la sua squadra rifiutarono il pezzo, che si rivelò invece un grande successo per Usher anche nel Vecchio Continente, cosa che non capitava da qualche tempo.

Peak U.S.A.: #4; Peak UK: #7.

Siamo giunti alla fine di questo nostro itinerario, con il quale abbiamo anche percorso gli ultimi anni del pop internazionale.

E’ evidente che nella maggior parte dei casi si tratta di brani molto importanti per i cantanti a cui sono finite le canzoni, perché hanno goduto di un grandissimo (e in alcuni casi, inaspettato) successo (come ad esempio “Chandelier”, “Lean On”, “DJ Got Us Fallin’ in Love”) o di “svolta” (mi riferisco soprattutto a “We Can’t Stop” e “Come and Get It”).

Sarebbe stato molto interessante se Rihanna avesse effettivamente cantato qualcuno di questi brani, come originariamente doveva essere; personalmente avrei gradito molto sentire la sua voce in “Lean On“, “Chandelier“, “Find Your Love” e “Go“.

E voi invece? Queste canzoni avrebbero avuto più o meno successo se cantati da Rihanna? Quali di questi brani avreste voluto che fossero stati cantati da Rihanna? Aspettiamo le vostre opinioni nei commenti.

16 Commenti

  1. Bell’articolo, molte cose le sapevo ma molte altre non le immaginavo neppure!
    In particolare sono rimasto stupito da Lean On, Come & Get It / Same Old Love e soprattutto da DJ Got Us Falling In Love.
    Avrei tanto voluto la sua versione di Lean On, mentre Pretty Hurts e Chandelier sono contento che siano andate rispettivamente a Beyoncè e Sia.

    • Grazie mille :) si anche io avrei voluto tantissimo sentire la sua voce in “Lean On”, se l’avesse estratta come singolo a questo punto saremmo stati in attesa di #R12 :) e credo che se avesse cantato “chandelier” sarebbe stata ancora più bella! per quanto riguarda “pretty hurts” invece sono d’accordo con te, Beyoncé era l’interprete adatta!

      • Chandelier sinceramente non so, sicuramente sarebbe venuta bene (quando un pezzo è di qualità e studiato bene è difficile che stia male ai cantanti di un certo talento) ma Sia secondo me si adatta alla perfezione.
        Pretty Hurts è proprio perfetta per Bey, mi domando perchè l’abbiano offerta a Katy.

      • Non so, ma credo che comunque Katy l’avrebbe un po’ modificata dato che è da lei metterci sempre del suo nelle canzoni oppure l’avrebbe scartata (un po’ come quando la Musgraves le propose “Follow Your Arrow” e Katy le suggerì di tenerla per sé non volendola cambiare).

  2. Incredibile come ci siano più hit rifiutate da lei che hit composte da lei.
    Bell’articolo comunque :)

  3. Pretty Hurts fu mandata direttamente alla Perry e non al suo management in un periodo nel quale lei si trovava in tour. Quando Katy la sentì scrisse a Sia: “I’m ‘pretty hurt’ you never sent me this song.”, e lei rispose “Check your email, idiot!”.
    Le due hanno poi collaborato in “Double Rainbow”, e la Perry dichiarò che in un primo momento si odiarono durante la scrittura della canzone perché nessuna delle due cedeva alle richieste dell’altra, ma superato l’astio iniziale sono diventate amiche.

  4. Chandelier sarebbe stata molto figa secondo me le altre le apprezzo di più cantate poi dai definitivi artisti

  5. “rih-fiutate” non se po’ legge -.-
    ma chi scrive ‘sti post: bimbominkiolo?
    In ogni caso questo dimostra come il team di Rihanna riesca a scrivere, comporre, produrre, scegliere tutto ciò che riguarda la carriera di Rihanna alla quale lei ovviamente non partecipa in alcun modo e dunque non possiede meriti obiettivamente.

    Da notare che appena Beyoncè ha deciso che pretty hurts era la sua, rihanna s’è dovuta infilà un dito su per il…!
    “Appena il singolo (Chandelier) fu rilasciato in molti notarono una certa reminescenza (che si scrive reminiscenza) dello stile che Rihanna ci aveva proposto con “Diamonds”… ”
    No! Non è proprio così: Diamons è stata scritta proprio da Sia quindi Rihanna non ha proposto nulla di nuovo semmai è il contrario.
    Però amo il modo in cui Rihanna fa sue le canzoni di altri,
    per es. di Diamonds disse che era una dedica a sua nonna… commovente…
    non capisco quale parti dedichi alla nonna visto che l’ha scritta Sia che manco la conosceva la nonna, però commovente -.-“

    • Caro/a, sono una persona che apprezza le critiche costruttive, ma alla luce del tuo “commento” voglio fare qualche riflessione:

      1. prova a cercare su internet “rihjects” e vedi quanti siti utilizzano il termine. Ne consegue che “fih-fiutato” è un termine che a te può non piacere, ma è un calcolo linguistico – se non sai che significa, Google ti è amico ;) – ed era il modo migliore per rendere l’espressione e il concetto;

      2. “reminescenza” te lo sei leggermente inventato, magari per sembrare figo non saprei;

      3. ti consiglio un corso per migliorare le tue capacità di comprensione testuale, o, almeno, di stare più attento/a nella lettura. La frase (completa) che tu hai citato dice “Appena il singolo fu rilasciato in molti notarono una certa reminiscenza dello stile che Rihanna ci aveva proposto con “Diamonds” (stile, se vogliamo, preso in prestito proprio dai precedenti lavori di Sia), (…)” – questo significa che molti all’inizio credevano che Sia avesse copiato lo stile che Rihanna aveva usato in Diamonds, ma in realtà quello stile era stato preso in prestito proprio dai lavori precedenti di Sia” = Sia l’aveva usato prima di Rihanna = Rihanna si è ispirata allo stile di Sia.

      Detto questo, ripeto, sono una persona che apprezza le critiche, ma se vuoi semplicemente trollare, cerca almeno di fare meglio :)
      XoXo

  6. Mi piaceva chandelier infatti la prima volta che. l ho sentita mi sembrava rihanna e nemmeno conoscevo sia 💎

Comments are closed.