Dopo una lunghissima polemica per la quale non poteva abbandonare la Roc Nation, accusata di sabotare la sua carriera (LEGGI QUI), Rita Ora ha finalmente segnato un nuovo contratto discografico con un’altra major.

landscape_nrm_1419357075-rita_ora_2

Dopo la libertà concessa dalla casa di Jay Z, la cantante inglese di origini albanesi ha reso partecipi tutti i suoi fan, i Rita Bots, della sua firma di un contratto,  con una foto postata sul suo profilo di Snapchat, senza però rivelare nessun dettaglio sul nome della casa discografica.

Attraverso una foto postata sul social sopracitato, l’interprete di “I Will Never Let You Down” ha oscurato con due fiori gialli entrambi i fogli che, a quanto pare, sono propri i contratti firmati dalla cantante per passare dalla Roc Nation ad un’altra label misteriosa.

CkN7eA7WYAAZ4tR-577x1024 (1)

Secondo alcuni media inglesi e americani, la major in questione è la Warner Music Group, tra l’altro studio discografico di uno dei suoi ex fidanzati, il performer americano Bruno Mars, il quale, secondo alcune voci di corridoio, l’avrebbe appunto spinta a firmare. Altro motivo della scelta sarebbe stata l’insistenza dell’amica Charli XCX.

Una buona scelta per un’artista che spera di poter entrare nell’Olimpo dei cantanti vista l’esperienza della Warner nel gestire sia “vecchie” glorie, come Cher o Enya, che newbie molto talentose, come Christina Perri o Birdy, senza tralasciare la presenza tra gli iscritti di artisti sulla cresta dell’onda da anni, come la band dei Coldplay e Ed Sheeran.

Dopo ben 4 anni dal suo album di debutto, che era riuscito ad ottenere buoni punteggi dalla critica e risultati altrettanto buoni anche dal punto di vista delle vendite, complici anche alcune hit di traino, Rita Ora è finalmente sul punto di pubblicare nuovo materiale direttamente dal suo attesissimo nuovo disco. Forza Rita!

Voi che ne pensate? 

  • bionic_littllemonster

    Vedremo

  • MUSIC is the way.

    e dai che questa è la volta buona!

  • Navy_Swift

    Speriamo

  • Nicslam

    Spero sia la volta buona.