ca59547ca72d2b8ccd57d11537887e82

Spettacolo allo stato puro ai Soul Train Music Awards 2013, andati in onda la scorsa notte sui canali americani BET e Centric, per una serata all’insegna della black music, tra le varie premiazioni, performances e soprattutto omaggi ai classici del genere e ad alcune leggende come Dionne Warwick, premiata non solo con il Legend Award ma onorata con un fantastico medley da un super roster composto da Ron Isley, Ruben Studdard, Chrisette Michelle, Gladys Knight, Candice Glover, Eric Benet.

Tra i classici, onorato anche Keith Sweat col Lifetime Achievement Award, che ha voluto ringraziare attraverso la sua personale performance, proponendo “Make It Last Forever” accompagnato da una strepitosa Faith Evans, e la sexyjam “Nobody”:

 

Spazio anche a due classici del “Blue-Eyed Soul” con l’esibizione di Jon B. che ha riproposto la bellissima track del 1998 “The Don’t Know” e con il leggendario Bobby Caldwell che ha ispirato un’intera generazione con la sua “What You Won’t Do”:

Non poteva mancare l’omaggio all’hip hop old school,  e per questo sono stati chiamati sul palco Slick Rick, Dougie E. Fresh, Big Daddy Kane e Warren G:

Tra gli artisti contemporanei, forte è stata la presenza femminile; ad aprire le danze ci ha pensato Jennifer Hudson con il suo nuovo singolo “I Can’t Describe” con la partecipazione di T.I. e con le sorprese di Evelyn  King e Chaka Khan:

K. Michelle, vincitrice del Best New Artist, ha proposto “Can’t Raise a Man” e “V.S.O.P.”, mentre il rapper Wale accompagnato da Stokley dei Mint Condition ha cantato “LoveHate Thing” omaggiando nello stesso tempo “Inner City Blues” d Marvin Gaye


 

Infine, un’emozionata Tamar Braxton premiata con ben due premi (Best R&B/Soul Female Artist & The Ashford and Simpson Songwriter’s Award) si è esibita con “Love and War,” “The One,” e “All the Way Home”:

I grandi vincitori della serata risultano essere Kendrick Lamar con Album of the Year, Janelle Monàe con Video of the Year per “Q.U.E.E.N.”, e Robin Thicke con Song of The Year per Blurred Lines, ecco la lista completa dei vincitori:

Best New Artist – K. Michelle

Best R&B/Soul Male Artist – Miguel

Centric Certified Award – Luke James

Video of the Year – Janelle Monae ft. Erykah Badu (Alan Ferguson) – “Q.U.E.E.N.”

Best Gospel/Inspirational Performance – Tye Tribbett – “If He Did It Before…Same God”

Album of the Year – Kendrick Lamar – Good Kid, M.A.A.D. City

Best Hip-Hop Song of the Year – Wale ft. Tiara Thomas – “Bad”

The Chaka Khan Award for Best R&B/Soul Female Artist – Tamar Braxton

Song of the Year – Robin Thicke ft. Pharell & T.I. – “Blurred Lines”

The Ashford & Simpson Songwriter’s Award – Tamar Braxton – “Love & War”

Best Dance Performance – Ciara – “Body Party”

Best Collaboration – Robin Thicke ft. Pharell & T.I. – “Blurred Lines”

Best International Performance – Bunji Garlin – “Differentology”

Best Traditional Jazz Performance – Nicole Henry – “Waiting in Vain”

Best Contemporary Jazz Performance – George Duke – “Missing You”

Best Independent R&B Soul Performance – Ashanti – “Never Should Have”

  • Non c’è stato nessun artista che ha fatto man bassa dei premi, segno di grande equilibrio. Sono felicissimo per K. Michelle e Tamar Braxton, quest’ultima ne ha vinti addirittura due e, commossa, ha ricordato che anche a 36 anni si possono raggiungere certi obiettivi. I Soul Train Awards sono quasi sempre all’insegna della black music di qualità senza dimenticare di omaggiare le leggende ed è per questo che sono i miei preferiti insieme ai Grammy Awards.

  • Drew

    Gente con talento, vere leggende. Altro che le bambole gonfiabili che vanno adesso grazie ai bimbiminkia.