One Republic, Alvaro Soler, Yo Gotti, Idina Menzel, Troye Sivan, Sophie Ellis-Bextor: riscopriamo le performance di questa settimana.demi bieber usher

Alvaro Soler continua a promuovere la sua hit “Sofia”, vero tormentone qua in Italia. Il cantante si è recato al Przebój Lata RMF FM i Polsatu, festival europeo, per proporre una performance insieme ad un folto gruppo di ballerini. Una performance vocale appena discreta, in cui ha mostrato miglioramenti rispetto al passato ma che comunque va poco oltre la sufficienza, soprattutto se consideriamo il grande aiuto della base preregistrata nelle parti salienti della canzone. Timbro riconoscibile, strofe fatte abbastanza bene senza aiuti, questo va riconosciuto, tuttavia nel complesso non lo inquadriamo come un bravo performer, per quanto là fuori ci sia molto di peggio. Bravo il gruppo di ballo.

Nuova esibizione per Meghan Trainor e Yo Gotti, che per la prima volta si esibiscono insieme sulle note di “Better”, collaborazione che è stata scelta come terzo singolo dall’album di lei “Thank You”. I due si sono recati da Jimmy Fallon ed hanno eseguito un’ottima performance: Meghan ha cantato in maniera molto buona, confermandosi ancora una volta per un’ottima interprete anche sul palco, in particolare con brani di questo tipo. Dal punto di vista scenico, per una volta, la performance è stata strutturata in modo da valorizzare l’artista, con un lungo abito nero con fasci di stoffa svolazzanti che hanno creato una bella atmosfera dal punto di vista scenografico. Buona anche l’esecuzione di Yo Gotti.

Nuova performance anche per Troye Sivan, che dopo essersi esibito nel corso della performance di Alessia Cara nel pre-show dei VMA si è concesso anche una performance da solista. Per l’occasione il ragazzo ha portato la sua “Wild” presso lo show di Seth Meyers, ed è venuta fuori come sempre una performance magnifica dal punto di vista prettamente musicale grazie ad un Troye sempre al top vocalmente, dotato di un timbro davvero magico che dal vivo riesce a colpire ancora più che in studio e ad un’intonazione che non vacilla mai. Di contro, scenicamente il ragazzo risulta ancora una volta poco preparato, sembra gli mancano proprio le basi per stare sul palco, visti i movimenti eccessivi: a nostro avviso Troye necessita di migliorare da questo punto di vista, anche perché con la voce che si ritrova risultare poco comunicativo dal punto di vista scenico è un peccato: perché sprecare un simile potenziale ed un simile talento?

Idina Menzel condivide con noi un simpatico video realizzato insieme a tutte le “nuove leve” di Broadway, le ragazzine che militano nella primavera del teatro, nel quale si divertono e cantano sulle note del suo ultimo singolo “Queen of Swords”. Un piacere ascoltare un coro così preparato e fatto da voci così belle! Chissà se qualcuna di queste ragazze avrà un futuro nel mainstream musicale…

Nuova esibizione anche per Tove Lo, che si reca da Jimmy Fallon per la promozione del nuovo singolo “Cool Girl”. Una buona performance vocale ed una discreta presenza scenica permettono alla ragazza di portarsi a casa una buona esecuione del suo ultimo singolo, per quanto qualche piccolo dettaglio hot nella coreografia lo avremmo evitato vista la presenza di bambini in studio. Tove possiede un timbro riconoscibile, che può piacere o meno ma sa farsi distinguere, e questo elemento la aiuta molto nel conquistarci in ogni sua esibizione live.

Nuove esibizioni anche per Justin Bieber, che approfittando di una piccola pausa dal tour si reca al Live Lounge britannico per la promozione della canzone dei Major Lazer “Cold Water”. Justin esegue anche due cover: “Fast Car” di Tracy Charpman e addirittura “Thugz Manzion” di 2Pac. Il ragazzo in acustico rende sicuramente meglio che nelle performance solite, questo lo si vede chiaramente data l’assenza di stonature, tuttavia le sue lacune emergono per via di un timbro poco convincente, dunque nel complesso le tre esibizioni sono un nì. Le performance inizialmente erano state tutte caricate sul solito canale VEVO, tuttavia successivamente soltanto la cover di 2Pac è stata lasciata online. Si tratta comunque della performance migliore delle tre, dunque va bene così.

Una performance di ben altro livello condivisa contemporaneamente dagli organizzatori del Live Lounge è quella dei One Republic, che reinterpretano l’ultimo singolo di Adele “Send My Love (to Your New Lover)”. Un Ryan Tedder perfettamente coinvolgente, carismatico ed a suo agio mette a punto un’esecuzione buona anche se inferiore ai suoi standard, forse per le caratteristiche della stessa traccia, poco adatta al suo timbro. Le strofe restano comunque ottime, e Ryan si conferma pur sempre un interprete di grande talento, sicuramente uno degli uomini più bravi sulla piazza odierna. Ottima anche l’esecuzione strumentale dei musicisti del gruppo.

Gli artisti si sono esibiti anche con la loro vecchia hit “Counting Stars”, e qui l’impronta vocale di Adam è stata ben più calzante! L’artista fa un lavoro meraviglioso con la sua splendida voce, e riesce come sempre a regalarci una performance memorabile della traccia.

Zara Larsson è tornata da poco con un nuovo singolo, tuttavia persevera ancora nella promozione della sua hit più grande, la bellissima “Lush Life”. Questa volta l’interprete si reca da Jimmy Fallon e si esibisce insieme ad un gruppo di ballerine con addosso una mise nera, il tutto mentre è agghindata in maniera da far risaltare la sua bellezza dimostrando però più anni di quelli che effettivamente ha. Una performance vocale come sempre strepitosa, in cui le poche imperfezioni sono compensate da una resa magnifica in altri momenti, con tanto di parti cantate con un mezzo tono su rispetto alla studio version. La ragazza fa inoltre progressi anche per quanto riguarda la presenza scenica.

 

Torniamo al Live Lounge per incontrare Usher, che si è recato presso il noto programma radiofonico per esibirsi con il suo singolo “Crash”, meravigliosa ballad che sarà inclusa nell’album “Hand II Love”. Usher ci incanta con una performance vocale semplicemente meravigliosa, carica di pathos dal punto di vista emotivo e perfetta tecnicamente. Il registro medio dell’interprete ci regala un corposo assaggio del suo bel timbro, ma la parte più incantevole sono assolutamente i falsetti, che regnando nel ritornello occupano gran parte della canzone. Usher è sicuramente uno dei cantanti maschili dotati del falsetto migliore sulla piazza: il suo è un falsetto che oserei definire unico, perfino su questo registro la sua voce continua ad essere inconfondibile fra mille, e performance come questa riescono a mettere in luce ciò.

Demi Lovato continua a sorprendere dal palco del suo Future Now Tour. Se mesi fa la cantante ci aveva offerto una cover di “Hello” di Adele, adesso torna a reinterpretare la musica della britannica scegliendo però “When We Were Young”, il singolo da lei rilasciato subito dopo la smash hit mondiale. Anche questa volta l’interprete ha eseguito una performance vocale strabiliante, dimostrando un controllo ed un’estensione da paura e risultando assolutamente convincente dal punto di vista emotivo. Una voce ricca di phatos e potentissima quella di Demi, che in questi frangenti ci ricorda ancora di più di che pasta e fatta. Speriamo di avere presto altre grandi ballad nel suo repertorio.

Nuova performance, infine, per Sophie Ellis Bextor, che si reca da The Weekend per proporre un live del suo ultimo singolo “Come With Us”. Una performance vocale pulita e raffinata, non esente da imperfezioni ma che nel complesso convince molto, soprattutto a partire dal primo ritornello. L’accompagnamento dei musicisti è ottimo, tutti loro eseguono un buon lavoro live e l’atmosfera risultante è di un’eleganza davvero notevole, nulla a che vedere con le basi da CD inserite solitamente per le performance televisive. La musica completamente suonata dal vivo continua ad avere il suo fascino, meglio ancora se a cantare c’è una voce raffinata e piacevole all’ascolto come quella di Sophie.