20160622171041_Syria.jpg

Con la bella stagione torna nelle radio anche uno dei nomi più conosciuti nel panorama pop made in Italy; si tratta di Syria con il suo nuovo singolo dal titolo “Islanda”.

Il brano, cover di “Heart Attack” dei Flight Facilities, è stata adattata in italiano da Dario Moroldo, mentre l’arrangiamento è stato invece affidato a Davide Ferraio. Il pezzo mantiene il vibe e la melodia base del suo alter ego inglese, precisamente un remix del brano originale, presentando una produzione elettropop e dance con delle vanature lounge-tribal che sposano perfettamente la voce della cantante che si è sempre dimostrata davvero versatile; sembra quasi di trovarsi di fronte ad una versione elegante di Airys (pseudonimo con cui la cantante ha rilasciato il suo album electro-dance “Vivo. Amo. Esco.”).
Il video che accompagna la release del pezzo è davvero visionario e gradevole mettendo in mostra la cantante più tatuata d’Italia che vaga ballando per le spiagge tra la gente con un cuore sulle spalle; metafora del senso stesso della canzone.

Questo singolo è uno dei quattro inediti in studio che saranno presenti nella prima raccolta della cantante, che festeggia proprio quest’anno i 20 anni di carriera, prevista per settembre e che vedrà i suoi più grandi successi in versione live. Si tratterà della trasposizione in audio del suo mini-tour “Vent’anni in una notte” tenutosi a Brescia lo scorso dicembre e che vedrà Cecilia (nome anagrafico della cantante) rivisitare live i suoi successi con colleghe come Noemi, Malika Ayane, Emma Marrone, Francesca Michelin e l’immancabile La Pina.

Con questo progetto la cantante ufficilizza il contratto con la Universal, dopo aver chiuso con la Sony Music. Syria sta inoltre lavorando anche ad un brano da presentare alla commissione del Festival di Sanremo, proprio lei che non gareggia nella kermesse più amata d’Italia dal lontanissimo 2001, e che non appare sul palco dell’Ariston dal 2008 (anno in cui collaborò con Dolcenera nella serata dei duetti).

Bisogna ammettere che le classifiche non sono state gentili con Syria, soprattutto con il suo ultimo lavoro “10”; un album di fresco electropop dal sapore internazionale che, forse più che per la qualità, non è riuscito ad esplodere a causa della pessima distribuzione…ma proprio grazie a quel progetto pare che Syria abbia (ri)trovato l’amore per la musica elettronica!

Bentornata e in bocca al lupo…anche i più giovani potrebbero non resistere a questa sua virata artistica.

ARTICOLO SCRITTO DA CORRADO PINNA

  • GIULIO

    Articolo molto dettagliato, grazie per l’attenzione ;)

  • Travis

    Lei è stata sempre molto brava, tecnicamente e stilisticamente. Ma purtroppo la qualità delle sue canzoni oscilla sempre tra il mediocre e l’appena sufficiente. Come anche questa Islanda.