taylorswift-5-canzoni
Tra le star musicali di maggior successo del nuovo millennio va riservato un posto per Tayrlor Swift. Diventata l’artista dei record in questo 2014 con il suo album “1989”, ci è sembrato giusto dedicare la nostra rubrica “5 canzoni da scoprire” proprio a lei…

Nata artisticamente come cantautrice country, la Swift ha dato origine alla sua carriera musicale già alla tenera età di 12 anni, periodo in cui ha scritto e registrato la sua primissima canzone “Lucky You”.

Da allora tutto è cambiato nella vita di Taylor la quale, dopo aver firmato un contratto con la Universal, è riuscita a diventare rapidamente una delle maggiori esponenti del country moderno ottenendo cifre altissime con ogni sua singola pubblicazione, sia nei casi in cui ha scelto di buttarsi nel country puro che quando ha fuso questo genere con il pop, fino ad arrivare alla conversione in popstar che è avvenuta con l’ultimo album “1989”.

Anche con Taylor vogliamo portarvi in un viaggio per esplorare ed ascoltare le perle musicali contenute nei suoi album, e non selezionate come singoli ufficiali. Un viaggio attraverso i suoi 5 dischi, che l’hanno portata a diventare una delle popstar più forti dei giorni nostri…

Taylor Swift – Cold As You
Voglio iniziare da questa struggente ballata dominata dal piano e dal violino, la mia canzone preferita del primo album che come tutti ben sanno è l’album con più sonorità country di tutti. E’ diventata una delle mie preferite in assoluto dopo aver vissuto pienamente quello che Taylor racconta nel testo: persone a cui hai dato tutto ma tutto quello che ti hanno dato è stato solo un addio. Il testo, appunto, è pura poesia con tantissime metafore e frasi stupende e ricercate scritte da una giovanissima Taylor che n’è sempre stata fiera.. E’ incredibile pensare che frasi come :

You put up walls and paint them all a shade of gray.
And I stood there lovin’ you and washed them all away.
And you come away with a great little story of a mess of a dreamer with the nerve to adore you.

Every smile you fake is so condescending. siano state scritte da una 14enne e invece sì..Già dal suo primissimo album ha mostrato il suo innato talento compositivo che album dopo album sarebbe cresciuto.. Ritornando alla canzone, Cold As You è sicuramente una perla della discografia di Taylor, è molto amata dai fan, ma forse il fatto che sia presente nel primo album(e quindi un po’ dimenticato dal fandom) è messa un po’ in disparte, ma anche la stessa Taylor nonostante abbia detto che ha scritto alcuni dei suoi migliori versi, non l’ha mai calcolata..fino a una sera durante una tappa americana del Red tour in cui sorprese tutti e la cantò. Ed ero così emozionata perchè, l’aveva cantata proprio quando stavo male per questa persona e non facevo altro che ascoltare questa canzone.

Fearless – The Best Day
Da Fearless, Taylor incomincia la sperimentazione della sua musica.. iniziando ad aggiungere più chitarre elettriche e fare qualche traccia pop-rock, ma voglio parlare ancora di un’altra traccia prettamente country perchè secondo me tutti dovrebbero conoscerla. The Best Day è una canzone simbolo della Swift, perchè msotra chiaramente la sua incredibile dimistichezza con le parole e la sua grande capacità di raccontare una storia di una vita seguendo un filo logico e narrativo. E mostra anche i suoi 2 lati, quello reale e quello un po’ fiabesco.. tanti sono i riferimenti alle fiabe in questa canzone come Biancaneve e i 7 nani. Ma la grande pecularità di The Best Day sta senza dubbio nei molteplici ritornelli che possiede, ogni strofa è collegata a un suo preciso ritornello.. è una caratteristica di molte sue canzoni(Fifteen e All Too Well per es). TBD è un ode alla sua famiglia, ma in particolare a sua madre che le è sempre stata vicina dai tempi della gavetta alla RCA fino ad ora. E’ una bellissima dedica, dolce, romantica, si percepisce l’immenso affetto e rispetto che prova per la madre nella sua voce, si può sentire che l’abbia cantata con il sorriso a 32 denti.

Speak Now – Innocent
Per il terzo album, considerato da molti fan(inclusa me) e non fan il suo migliore lavoro, in cui ha dimostrato di saper comporre un intero disco (e co-produrlo)a soli 18-19 anni, la scelta è stata durissima, perchè SN ha tantissimi capolavori. Ero combattuta tra Long Live e Innocent, ma alla fine ho scelto la seconda per 2 motivi

  1. Dopo 2 tracce country, volevo scrivere su una traccia pop-rock che per come la vedo io è il genere che più le riesce, sì anche più del country.
  2. Perchè è forse la traccia più sottovalutata dell’intero repertorio di Taylor e…

Non ho mai capito la ragione, perchè io l’ho sempre trovata impeccabile in tutto: testo, pura poesia con bellissime e ricercate parole, ancora non mi capacito di come abbia potuto scrivere un capolavoro del genere, un inno sul perdono, da quello che era successo con il poco rispettoso Kanye West ; il sound, un perfetto pop-rock sofisticato dominato da una bellissima orchestra e l’interpretazione, così pacata con quella timbrica dolce e soave che adoro e attenta a dare il giusto significato a ogni parola..

Perchè sì Taylor non avrà una voce potente, avrà anche un timbro comune, ma non si può di certo dire che non sente quello che canta, che non sa interpretare perchè non è affatto così.
Voglio precisare che anche se la canzone è stata ispirata da Kanye West a parte solo un piccolo accenno, il resto della canzone parla di tutt’altro, infatti come ho detto tratta di innocenza, di perdono ed è per questo che la rende una delle sue canzoni più profonde mai scritte.

Red – The Lucky One
Dal quarto album, il più ecclettico e versatile proposto dalla cantautrice finora, la scelta più ovvia sarebbe All Too Well, ma più o meno tutti conoscono quella canzone, complice il fatto che l’ha cantata ai Grammy quest’anno.. Ma il mio scopo è quello di far conoscere le canzoni più sottovalutate o quelle che vengono messe da parte e una di queste è sicuramente The Lucky One.

TLO è ha un vibe un po’ ”indie”, è prodotta da Jeff Bhasker, che considero un genio, e come tema si rifà a Lucky di Britney, ma in un modo più riflessivo, maturo. Non si sa a chi sia ispirata davvero la canzone, Taylor non l’ha mai voluto dire, ognuono trae le sue conclusioni.. per me parla di qualsiasi star che agli inizi erano dei giganti, avevano il mondo ai loro piedi e poi o hanno fatto una brutta fine o sono finiti nel dimenticatoio. Qui ritorna la caratteristica principale della Swift, quella di raccontare in 4 min storie che durano 40 anni..

Il testo di TLO è senza dubbio uno dei suoi migliori, dà prova della sua enorme capacità di scrittura, di saper usare così bene le parole che riesci ad immiginarti tutto nella tua testa, forse l’unica pecca è il ritornello un po’ repetitivo, ma le strofe fanno sorvolare questo piccolo dettaglio.Stupenda la sua interpretazione, usa un colore di voce mai sentito.

1989 – You Are In Love
Conlcudo questo viaggio con la mia canzone preferita del nuovo album. Uno dei pezzi che più riporta agli anni 80 secondo me, sembra essere uscita da un film romantico di quegli anni.. Taylor l’ha scritta ispirandosi alla storia d’amore tra Jack Antonoff(co-autore e produttore della traccia) e la sua amica Lena Duham.

E’ uno dei pezzi più romantici della sua discografia e per me questa mostra la sua maturazione come artista e come persona, perchè la Taylor adolescente non avrebbe mai potuto scrivere dell’amore così reale, concreto, fatto di piccole cose quotidiane( cucinare i toast di domenica mattina), prima era tutto un po’ fiabesco: prinicipi, principesse, castelli..E ancora la Taylor adolescente non avrebbe mai interpretato un brano così intensamente, la protagonista assoluta è la voce.. il sound si sente poco e si piò sentire la dolcezza del suo timbro in tutto il suo splendore.

Non so perchè l’abbia messa come semplice bonus track, per me valeva un posto nella versione standard, è una perla.

Sicuramente molti di voi avranno scoperto grazie a questo articolo qualcosa di più su Taylor e la sua musica. Cosa ne pensate della musica di Taylor, e della sua grande ascesa nel mondo del Pop internazionale?

  • DREW.

    E Teardrops On My Guitar? :S

  • Chris90

    pensavo che questo post sarebbe riuscito a farmi apprezzare di più la swift ma ahime purtroppo no! queste cinque canzoni non mi emozionano molto! solo innocent e cold as you! brava artista per l’amor di dio però la sua pecca è l’estensione vocale! dovebbe essere più incisiva e coinvolgente! rimane sempre nella stessa tonalità! dovrebbe tirar fuori di più la voce!

    • Veronica

      Uffi, ma lei non ha una voce potente.. ma non significa che non sia coinvolgente eh.. Di manieresti ce ne sono tanti, pochi sono quelli attenti a dara il giusto significato alle parole! Che te ne fai di una che vuole solo mostrare la voce e non comunica quello che c’è scritto? Io non me ne faccio nulla, sinceramente..

      • Chris90

        beh quelle che hanno voce e sanno comunicare ci sono eccome! anastacia, kelly clarkson, celine dion, mariah carey, christina aguilera, adele! e bisogna dire che scrivono anche le loro canzoni! poi se a te non piacciono è un altro discorso i gusti son gusti! amen

  • kawaii

    you are in love è la peggiore di 1989 l’ho ascoltata solo 1 volta lol potevi mettere la perla di all u had to do was stay che è già a quota 60

  • Nadia Rose Sebert

    Ennesima prova di quanto sia crollata negli ultimi tempi

    • Veronica

      E’ tutto quello che sai dire? Almeno argomenta, spiega il perché.. Secondo te You Are In Love mostra il suo presunto peggioramento? Semmai è il contrario e ho scritto anche il perché.. La cosa bella di Taylor è che talmente versatile sia nella scrittura che nei sound.. ma va beh ognuono ha le sue opinioni :)

  • Diano Francesconì

    Un bel post complimenti! Delle canzoni conoscevo Innocent che mi è sempre piaciuta! Pezzi interessanti anche gli altri, però non riesco ad apprezzarli fino in fondo probabilmente perché non sono il mio genere musicale.. Secondo me la Swift comunque è molto apprezzabile con le ballate, sia pop sia country e sinceramente penso che in 1989 abbia perso molto questo lato di sé.. la canzone che mi piace di più di quell’album è Clean mentre le altre, che probabilmente hanno dei testi molto belli non lo metto in dubbio, mi sono sembrate tutte molto commerciabili, fatte per seguire le mode del momento.. Vorrei sapere se anche un fan della Swift abbastanza obbiettivo la pensa così o se 1989 gli va bene così com’è ovvero non vede questo “peggioramento”..
    Volevo sapere: come si fa a inviare un articolo? :)

    • Veronica

      Guarda, ti posso dire che i testi qui(a parte alcuni) non sono all’altezza di quello che sa fare veramente, ma comunque per come la vedo io ha già dimostrato di scrivere bene..quindi se vuole scrivere testi un po’ più corti e generali va benissimo.. Perchè tanto lei quelle qualità ce le ha, nessuno gliele toglierà mai(potrà riprendere il suo stile dettagliato più avanti).. e lo possiamo vedere in This Love e Clean, le 2 che si avvicinano di più ai vecchi album. Per quanto riguarda il sound, per me l’unica che segue le mode del momento è How You Get The Girl che non c’entra nulla con le altre, è il classico stile di Max Martin che usa con le altre. Gli altri sono davvero belli e molto di essi hanno le influenza 80 che non si sentono oggigiorno, Out Of The Woods, Welcome To NY, i Wish You Would, Wildest Dreams(mai avrei pensato che Max potesse produrre una traccia del genere).. La stessa Shake It Off non è così banale come sound.. Io quindi non vedo nessun peggioramento, anzi. So che ci sono fan a cui non è andato genio questo sound, ma principalmente perchè secondo loro gli strumenti veri li usa solo lei, quindi ”ha perso l’identità”.. quando il suo marchio di fabbrica non è mai stato il country, ma il songwriting che qui non è sparito, racconta ancora le storie della sua vita come il primo giorno. Quindi più che perso, direi che l’ha accantonano un po’, in futuro può sempre ritornare al country..chi lo sa! E’ così imprevedibile.. :)
      Io ti consiglio di ascoltare nuovamente l’album :)

    • Faggiollo

      Diano per scrivere al sito manda la mail a info@rnbjunk.com

  • Mialich

    Ascoltando queste cinque canzoni ciò che ho pensato è stato: “ora capisco i fan di Taylor”, si, perché queste sono le canzoni che fanno grandi un artista. Avrei da dire solo belle cose su tutte (forse meno sull’ultima, comunque bella), ma mi vorrei soffermare su “The Best Day”, per me è un capolavoro che non avevo mai sentito, qualcosa di davvero prezioso per la carriera e per i fan, una di quelle canzoni che ti fa emozionare sempre.

    • Veronica

      The Best Day è una delle mie preferite in assoluto, ha qualcosa di magico e come hai detto tu una di quelle canzoni che ti fanno emozionare sempre.
      Il tuo commento è la conferma che ho fatto bene a scegliere questa canzone da Fearless :)

      • Mialich

        Hai fatto no bene, di più!

    • <>

      Wow non avrei mai pensato di leggere un commento da parte tua che apprezza i pezzi della Swift, mi hai davvero spiazzato.

      • Mialich

        Ne sono felice, spero che questo aiuti a capire che non ce l’ho con lei, se mi viene proposto qualcosa di buono da commentare lo faccio e su queste canzoni, ripeto, male non si può dire, anzi, solo complimenti. Se in altri post ho dato pareri negativi è perché era stato proposto dell’altro. :)

  • Black Widow.

    Mi piacciono tutte.

    Dico solo questo: Bellissime.

  • <>

    Verrei li a stringere la mano al creatore del post, complimenti davvero, avete fatto un ottimo lavoro.
    In ogni album di Taylor ci sono pezzi se vogliamo “nascosti” che la maggior parte delle volte sono mille volte meglio delle tracce estratte per il grande pubblico, il che è normalissimo poichè più ricercate e di conseguenza meno commerciali.
    Taylor Swift, il suo primissimo album, l’unico puramente country, nonostante contenga lyrics creati quando era giovanissima, 14/16 anni, hanno dei significati meravigliosi, non scadono mai nel banale o nel già sentito. Assieme a Cold as You consiglierei anche Stay Beautiful che assieme a Our Song (canzone con cui ho conosciuto Taylor) sono le mie preferite.
    Per Fearless invece Hey Stephen, pure questa è stupenda, ha un motivetto allegro e carino.
    In Speak Now consiglio Never Grow Up ma pure Innocent è meravigliosa, per RED invece I Almost Do, Holy Ground e Girl At Home.
    In 1989 bene o male quasi tutte le tracce sono più “commerciali” e orecchiabili ma comunque è riuscita a far un ottimo lavoro, la mia preferita è Clean ma anche All You Had to Do Was Stay non è da meno.

  • Faggiollo

    Articolo molto bello, come tutti quelli della serie. Sentire parlare un fan della musica del suo artista preferito è sempre bellissimo, se fatto bene. Chi è che ha scritto questo articolo? Ho visto che l’ ha pubblicato Umberto, ma la “recensione” delle tracce è scritta al femminile e da una fan, e Umberto non mi risulta ne l’ una ne l’ altra cosa! :D Quale utente è l’ autrice?
    Per quanto riguarda i pezzi gli ultimi tre li conoscevo già, i primi due no, forse The Best Day lo avevo ascoltato di sfuggita una volta ma non mi è rimasto impresso perchè non è il mio genere, idem “Cold As You”. Per il resto quotone su “Per il terzo album, considerato da molti fan(inclusa me) e non fan il suo migliore lavoro” io non sono un fan e sebbene “1989” sia molto più vicino al mio genere e di conseguenza mi piaccia di più, trovo “Speak Now” il lavoro più riuscito di Taylor, qui si che si può dire che siamo davanti a Taylor Swift, complice il fatto, pregevolissimo, che si sia scritta da sola tutte le tracce.

    • Umberto Olivo

      i commenti li ha scritti una mia amica fan di taylor :)

    • Veronica

      Sì li ho scritto io :)

      • Faggiollo

        Complimenti!

  • Angelica

    Ammetto di non conoscere molto della discografia delle Swift e che la mia “antipatia” nei suoi confronti è principalmente dovuta al suo personaggio, a mio parere troppo perfetto per essere vero, ed ad alcuni suoi comportamenti e dichiarazioni nei confronti di altri personaggi del music business. Solitamente non mi faccio ingannare dalla “copertina” ma con lei non ho mai avuto la curiosità di andare a scoprire di più.
    Mi ha fatto piacere che avete fatto questo articolo così ho potuto “conoscere” meglio il suo lato artistico e devo ammettere che preferisco questo sound “soft” che le sonorità di “1989” (del quale mi è piaciuta solo qualche canzone, appunto le ballad) che non sono adatte
    alla sua voce.
    Le migliori tra le 5 canzoni selezionate a mio parere sono “Cold as you” e “You R in love”, anche se, secondo me, la canzone migliore di “1989” è “This love”.

    • Veronica

      Credimi ne vale la pena, anch’io anni fa ho avuto la stessa sensazione, poi sono andata affondo ed è diventata la mia artista preferita in assoluto!

    • Caciucco

      Concordo con This love , ma ci aggiungo anche Clean e Wildest dream

  • swiftinski

    Ottimo articolo :)
    Queste canzoni sono davvero bellissime, non coincidono con la mia top5, ma comunque sono davvero tra le migliori.
    Al posto di The Best day avrei messo You’re Not Sorry e per quanto riguarda Speak Now avrei messo Haunted, ma comunque apprezzo le scelte.
    Per quanto riguarda la questione “canzoni che finiscono nel dimenticatoio” non posso che essere d’accordo con te: il fandom tende ad idolatrare eccessivamente determinate canzoni per poi non apprezzare le altre. Ad esempio è quello che succede con Red, dove tutte esaltano ed apprezzano All too well, dimenticandosi di canzoni come Sad Beautiful Tragic, I Almost do e le altre. Oppure come hai detto tu con Taylor Swift: molte sottovalutano quell’album e si dimenticano che alla fine è stato scritto da una quattordicenne e che soprattutto i testi di quell’album sono molto strutturati e non cadono affatto nel banale. A mio parere è sottovalutato molto proprio perché è country puro e non con tendenze pop come gli altri.

    • Veronica

      Sì non ho scelto Haunted, perché ho visto che i fan l’amano tanto.. Innocent proprio è sottovalutatissima! Eh sì hai ragione su Red, ci sono tante perle nascoste che nessuno calcola esaltando le solite All Too Well, Begin Again e State Of grace che per carità sono stupende, ma lo sono anche SBT, The Lucky One e I Almost Do

      • Mialich

        Ma l’hai scritto tu? Perchè non compaiono i crediti nell’articolo?

      • Veronica

        Aaaah non importa :) L’importante è che la gente conosca Taylor Swift e il suo grande talento :)

      • Mialich

        :)