Leggi il testo di Continua A Correre, nuova canzone di Dargen D’Amico ed Andrea Nardinocchi:

[originale]
[Andrea Nardinocchi]
Fino a che l’ultima lacrima, non, si asciugherà, tu continua a correre (x2)

[Dargen D’Amico]
Sembra passata solo un’ora, vorrei respirarti ancora
E scambio la notte per il giorno, questo per l’altro mondo
non ho fiducia negli altri mondi, e odio i sogni, che mi ripetono che torni
cresciuta fuori dal mondo, col nulla intorno, con meno 30 gradi a mezzogiorno
disposta a tutto, pur di toglierti di torno, porno amatoriali per un permesso di soggiorno
chiusa nel cabinotto degli attrezzi, con la sensazione che, tutto stia cadenzo a pezzi
col miraggio di un buon uomo a cui chiedere asilo, ti sei guadagnata qualche denuncia per violazione di domicilio
spiavo quando dormivi sul divano, respiravi così piano che pensavo “non scherziamo”
ordine, o dormi o muori, non vorrei disturbarti i sogni, ma svegliati e corri

[Andrea Nardinocchi]
Fino a che l’ultima lacrima, non, si asciugherà, tu continua a correre (x2)

[Dargen D’Amico]
La stella più è luminosa, più ha vita corta, la vedi brillare, ma in realtà è già morta
Stella delicata, eclissata, pugni e calci, e la luce non basta più per consolarci
ma i lividi svaniscono, appena ti penso, e pensarti è il mio veicolo per l’immenso
e a giudicare da qui sei salva, sei santa, guarda! Qualcuno ti sta dedicando un’alba
se potessi parlarti non lo farei, se potessi parlarti, ti bacerei
brava, il tempo maledetto non ti invecchia, te ne sei andata in fretta e rimarrai perfetta
ritroviamoci a vicenda nei nostri pensieri, fino al giorno che riunirai i nostri sentieri
e saremo di nuovo tutti interi, ma più leggeri, gloria nell’attico dei cieli

[Andrea Nardinocchi]
Fino a che l’ultima lacrima, non, si asciugherà, tu continua a correre (x2)

[Dargen D’Amico]
Questa è dedicata ad ogni donna incattivita, dalla mantenuta alla trattenuta in cattività
Non ti chiedo come ti sei fatta quella ferita, so che tanto non mi diresti la verità
Questa è dedicata ad ogni donna incattivita, dalla mantenuta alla trattenuta in cattività
Non ti chiedo come ti sei fatta quella ferita, so che tanto non mi diresti la verità
[/originale]

Traduzione