Io non lo so cos’è successo
però è da un po’ che sento addosso
un peso come un ombra che non c’era sei anni fa
Un amico che mi chiede allora
ma dimmi Gian cos’ hai ancora
ed io vorrei uscire a dirgli non ce la faccio ah
Ma io lo so quello che sento dentro
perché è da un po’ che qui non cambia il vento
la verità non è quel dolce frutto quando
il tempo come il banco prende tutto
lascia l’uomo di oggi distrutto come me…..
come me…
Mentre cammino guardo in giro
lo sguardo soffoca un sospiro
La strada, le fabbriche, il grigio e tutto qua
Nasci e poi muori d’abitudine
confuso nella moltitudine
Che grida che per te lo sai mai niente cambierà
Ma io lo so quel che succede in fondo
perché da un po’ che son venuto al mondo
La verità non è più un dolce frutto
Quando l’onda del mare scioglie tutto
lascia l’uomo di sabbia distrutto
Come me
Come me
una ruota che gira che gira e che va
E non sa quando e se si fermerà
Tutti in piedi
qualcuno senz’altro cadrà
Ma la ruota che gira, che gira,
che gira e girerà

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here