Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Alessandro Pozzato – King Harold | debut single

0 705

E’ difficile oggi riuscire ad affermarsi e a emergere in un Paese come il nostro, soprattutto per quei cantanti che non possono contare sull’aiuto di un’importante casa discografica o sulla fama raggiunta tramite la partecipazione a talent televisivi.

Negli ultimi anni, però, tanti hanno cercato di raggiungere un pubblico più vasto tramite i social e, in particolare, con YouTube. Se Tidal può forse stravolgere il grande mercato musicale, YouTube rimane ancora prezioso per gli artisti emergenti, in certi casi qualitativamente superiori rispetto ai big nazionali e internazionali.

Oggi, infatti, vi propongo un cantante che ha deciso di autoprodurre i propri singoli sul proprio canale YouTube. alessandro

Nato il 04/04/1991 in provincia di Padova, Alessandro Pozzato ha ottenuto buone attenzioni grazie alle rivisitazioni di successi come “Tous Les Mêmes” di Stromae (oltre 40 mila visualizzazioni), i cui risultati sono notevoli se consideriamo che tutto è stato fatto con i suoi soli mezzi, a costo zero.

I risultati sono ancora più strabilianti se si ascoltano e si osservano i video dei suoi due brani: “Tic Tac Toe (with the tourbillon)” e, in particolare, il più recente “King Harold”. Quest’ultimo brano è stato scritto dallo stesso cantante dal timbro seducente  e penetrante “come la lama di una spada”.

Anche per quanto riguarda il video, l’artista ha fatto tutto da solo, ideando autonomamente il concept e realizzandolo con pochi mezzi di fortuna il lavoro finale, il tutto per un risultato notevole che non ci si aspetterebbe da un cantante privo di appoggi con label.

La canzone è una potente Mid-tempo che risente gli influssi del NeoBaroque Pop, nelle campane e nello stile solenne/monumentale, e del British Pop, nella struttura e nella melodia. Il tema centrale del testo è il “tradimento”, inteso in tutte le sue forme: qui è quello del figlio nei confronti del vecchio re, sostituito dopo essere stato eliminato fisicamente, ma non mentalmente… “You want me dead but I’ll live in your mind”…

Che ne dite? Riuscirà il giovane Alessandro a sfondare nell’industria musicale? Noi gli auguriamo tutto il meglio e, intanto, eccovi il video.

PS: Il brano è acquistabile in tutti gli stores digitali

Get real time updates directly on you device, subscribe now.