Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Charles Hamilton e Rita Ora cantano NY Raining da Seth Meyers

0

Dopo vari tentativi falliti, Rita Ora negli ultimi mesi sembra aver trovato una via per farsi conoscere al pubblico statunitense.

Dopo il grande successo ottenuto con Iggy Azalea in “Black Widow”, la nomination con tanto di perfomance agli Oscar e l’esibizione alla Casa Bianca al cospetto di Barack e Michelle Obama, l’artista ha trovato ancora un mezzo attraverso il quale farsi notare in USA in attesa del suo effettivo come back: la serie televisiva “Empire”.

Vero caso televisivo attualmente negli States, al telefilm è stata abbinata una ricca soundtrack attualmente alla no.1 nella Billboard 200 all’interno della quale troviamo anche “NY Raining”, brano interpretato da Charles Hamilton in duetto proprio con Rita.rita-ora-619x375

Per rendere quanto più fruttuosa possibile questa occasione, i due artisti hanno deciso di promuovere il brano con una performance in uno dei programmi televisivi più seguiti negli States: Late Night with Seth Meyers.

Forti entrambi di un’ottima padronanza delle rispettive doti artistiche e di una forte sicurezza, i due interpreti hanno proposto una performance davvero ottima che probabilmente riuscirà a spingere il brano nelle classifiche, le quali per ora non l’hanno ancora accolto in maniera separata rispetto alla soundtrack.

Vedremo se Rita riuscirà ad ottenere una seconda hit da featured artist in USA. Che ne dite di questa esibizione?

3 Commenti
  1. AnacondaTop dice

    Negli USA come personaggio della musica .. la vedo molto bene :)

  2. Liuk dice

    Fate un articolo sul singolo di Brandon Flowers dei Killers per favore? Anticipa il secondo album solista “The Desired Effect” in uscita a Maggio, si chiama Can’t Deny My Love ed è una figata, è in Top10 su iTunes US e ieri sera si è esibito da Jimmy Fallon.
    Insomma, ci sarebbe materiale per un articolo :)

  3. My_Everything96 dice

    Ottima esibizione e il brano non è male.
    La voce c’è come anche il talento peccato non riesca a sfondare (o almeno entrare) nel mercato Americano.Vedremo con il prossimo album cosa farà..

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.