Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Eurovision: la Russia monta un caso mediatico per la vittoria dell’Ucraina

Jamala (MAJA SUSLIN/TT/AFP/Getty Images)

Come da copione, a poche ore dalla fine dell’Eurovision Song Contest sono già esplose polemiche relative alla canzone vincitrice. Quest’anno, ormai lo sapere tutti, non ha vinto la classica hit dance alla “Euphoria”, il brano etnico alla “Only Teardrops” , ma nemmeno la canzone avente dietro di sé il personaggio forte come avvenne quando a portarsi il trofeo a casa fu Conchita Wurst.

Quest’anno la vittoria è infatti andata all’ucraina ed al brano “1944”, un pezzo dedicato una strage ad opera del dittatore russo Stalin che si è svolta appunto in Ucraina, e nella quale morì anche la nonna dell’artista. Nonostante anche il concorrente russo si sia qualificato terzo, arrivando dunque ad un passo dalla vittoria, non poteva non nascere una polemica relativa alle motivazioni che hanno portato alla vittoria del brano.

Per vincere la prossima edizione del festival Eurovision servirà una canzone contro “il sanguinario” presidente siriano Bashar al Assad

ha dichiarato ad esempip la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Il vice premier russo della Crimea Rusian Balbek ha invece pronunciato le seguenti parole:

Oggi anche se sei il più grande vocalista al mondo, la tua cittadinanza russa ti impedisce l’accesso al primo posto. Inoltre, sembra che Jamala stia seguendo le orme di Ruslana. La vittoria all’Eurovision, i balli a Maidan, l’isteria antirussa, una posizione polemica. In un paio d’anni nessuno si ricorderà di questa cantante.

Con quest’ultima frase si fa riferimento a Ruslana Lyžyčko, artista ucraina che vinse l’Eurovision nel 2004 con una canzone simile, e che essendo ricordata a 12 anni da allora non sembra poi essere stata davvero dimenticata.

Ora, che il brano abbia vinto principalmente per il significato del testo è cosa ovvia, ma francamente: c’è forse qualcosa che non va in questo? Finché a lamentarsi sono i russi, ovviamente toccati dalla vicenda, possiamo anche farcene una ragione, ma il fatto che ci stupisce è l’accanimento di molti fan dello stesso Eurovision contro la canzone vincitrice.

Probabilmente, si è così abituati a brani che apprezziamo solo grazie alla produzione, magari senza capire nulla del testo, per riuscire a capire che la musica dovrebbe servire anche per veicolare messaggi, per comunicare il proprio io interiore attraverso un testo che derivi dalle proprie idee e dalla propria esperienza, ed è davvero così scandaloso che per una volta vinca un brano con un testo importante e ricco di significato piuttosto che una canzone dal ritmo facile e con un testo ben fatto ma comunque senza un grande spessore?

Nel dubbio, non ci rigustiamo questa splendida canzone…

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!

Potrebbe interessarti anche
7 Commenti
  1. Massimo Favaro dice

    Le strofe sono in inglese mentre i ritornelli sono in tataro di Crimea, la sua lingua/dialetto natale.

  2. MUSIC is the way. dice

    bravissima! canta in inglese? non è che si capisce molto

    comunque molto contento che abbia vinto lei! altro che australia

  3. Massimo Favaro dice

    La Russia dovrebbe darsi una calmata, trova polemiche in ogni cosa e ogni anno. Poi l’edizione successiva ricomincia da capo facendo finta che non sia successo nulla solo per prendere voti, vedi Polina Gagarina che abbraccia Conchita Wurst.

  4. Navy_Swift dice

    Anche perché se fosse stato per la giuria non avrebbe vinto

  5. Anto.b93 dice

    È come quando tutti si lamentavano del Berlusca, nessuno diceva di averlo votato, ma sempre al governo stava

  6. Umberto Olivo dice

    appunto, ora tutti a lamentarsi ma i voti da qualche parte sono venuti fuori xD

  7. Navy_Swift dice

    Ma…se è stato il pubblico da casa a votarla LOL

Lascia Risposta

La tua email non verrà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.