Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Gwen Stefani e Pharrell Williams accusati di plagio per “Spark The Fire”

gwen-omg

L’ex leader dei No Doubt,  tornata da solista nel 2016 con un progetto non molto esaltante,  e il suo fidato amico e produttore Pharrell Williams sono nell’occhio del ciclone per una presunta vicenda di plagio, riguardante il brano Spark The Fire.

La traccia, preceduta da Baby Don’t Lie ( scelta come lead single ma rivelatasi un grosso flop commerciale), venne pubblicata nel 2014 e fu un tentativo mal riuscito di riportare ai fasti la Stefani con un sound che ricordava pallidamente la smash hit del 2005 Hollaback Girl.

A distanza di 2 anni,  Richard Morrill, hairstylist ed ex-frontman della band L.A.P.D.,  ha citato in giudizio la coppia per aver plagiato un suo brano Who’s Got My Lightah.

Morrill sostiene di aver consegnato nel 1996 alla Stefani una demo della canzone con un ritornello molto simile a quello di “Spark The Fire” (“Who’s got my lightah / Who’s got the fire“).

L’ex frontman dei L.A.P.D., per questo motivo, ha citato non solo la Stefani e Williams, ma anche le Harajuku Lovers (brand nipponico di proprietà della cantante) e la Interscope Records, chiedendo un risarcimento di $25 milioni. Lo stesso ha inoltre richiesto che venga riconosciuto come autore del brano (ottenendo il ricavato dalla pubblicazione e dallo sfruttamento editoriale) e di essere esonerato dal pagamento delle spese processuali.

Ennesima accusa di plagio, questa volta riguarda Gwen Stefani

La vicenda ci lascia davvero sbalorditi per alcuni motivi: innanzitutto perché il brano in cui la Stefani gridava al mondo il suo ritorno (” OMG OMG, I’M BACK AGAIN!”  diceva) è da considerarsi un completo fallimento da oscurare e pensare che possa valere $25 milioni ci fa rabbrividire; in seconda non ci convince il lasso di tempo di 2 anni che Morrill ha aspettato per accorgersi del plagio (forse perché “Spark The Fire” è stato talmente un colossale fiasco che l’hairstylist l’ha ascoltato solo casualmente  nel 2017!); infine ci chiediamo come mai negli ultimi periodi si stanno susseguendo così tanti casi di presunti plagi… Che siano finite le idee per dei brani pop originali? Forse…

Per adesso non possiamo esprimerci, ma seguiremo da vicino la vicenda cercando di capire chi ha fregato chi!

E voi cosa ne pensate di tutto questo trambusto?

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!