Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

I Pentatonix eseguono una cover di “NO” di Meghan Trainor

A pochissimi giorni dall’inizio del tour mondiale che li porterà prima nel continente nord americano e poi in quello europeo, Italia compresa, il gruppo a cappella dei Pentatonix ritorna a mostrare le proprie capacità eseguendo una cover di “NO”, ultimo singolo della cantante statunitense Meghan Tranoir, che nel frattempo è volato fino al gradino più basso del podio della classifica dei singoli americana.

In this Sept. 4, 2015, photo, Avi Kaplan from left, Kristie Maldonado, Scott Hoying, Mitch Grassi & Kevin Olusola of the group Pentatonix pose for a portrait at Sony Music Nashville in Nashville, Tenn., to promote their latest album, "Pentatonix" (Photo by Donn Jones/Invision/AP)

Era da molto tempo che i cinque componenti non si cimentavano nel rifacimento di un singolo, infatti per ascoltare le ultime due bisogna tornare indietro di quasi un anno, quando il quintetto performò “Where Are U Now” e “Cheerleader”, singoli rispettivamente dei Jack U con Justin Bieber e di Omi. Questo è un vero ritorno alle origini per i ragazzi: oltre ad essere un ritorno alle cover, è anche un ritorno allo sfondo nero a cui fin dall’inizio della loro carriera ci avevano abituati.

Il lead singer in questa cover di “NO”  è Mitch, tenore del gruppo, dotato di un vocal range veramente molto ampio, che si fa aiutare da Kirstie e Scott, ai quali sono state assegnate alcune parti come lead singer anche se svolgono più che altro i ruoli di cantanti secondari, mentre gli altri due membri, Avi e Kevin “K.O.”, si cimentano nell’accompagnamento, rispettivamente nei bassi della canzone e nel beatbox che costituisce la “nuova” base.

Nonostante l’esecuzione vocale di tutti e cinque sia molto buona, non possiamo dire di ascoltare la migliore cover eseguita dalla band visto che in alcuni tratti i bassi e il beatbox oscurano le tre voci potenti, ma allo stesso tempo delicate, che rischiano di risultare invadenti all’ascolto della traccia.

Voi che ne pensate di questa cover?

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!