Rnbjunk Musica – Ultime notizie e gossip di musica
Home » Eventi e Concerti » Levante: annullato concerto a Lecce, testi troppo irriverenti
Eventi e Concerti Italian Notizie

Levante: annullato concerto a Lecce, testi troppo irriverenti

Arriva lo stop della curia per il concerto di in Piazza Duomo a Lecce. Ecco la risposta della cantante

cqdam web
Alla commissione per i pubblici eventi della Curia di Lecce non sono piaciuti i testi “troppo irriverenti” della cantautrice Levante, per questo le ha negato il concerto in Piazza Duomo per il concerto in programma il 6 agosto. Sotto accusa ci sarebbe in particolare la canzone “Gesù Cristo sono io“, contenuta nell’album “Nel caos di stanze stupefacenti” del 2017, ma non solo.

Ad essere incriminati anche i brani “Alfonso” e “Pezzo di me”.

Il live del 6 agosto, perciò, non si terrà, mentre rimangono confermate le date già annunciate per i concerti di Fiorella Mannoia e Il Volo per la medesima location. Ma Levante no: i testi della cantautrice siciliana trasferita a Torino, dove ha inciso tra l’altro con l’etichetta Inri, sono stati considerati incompatibili con i valori simbolo della piazza leccese.
La notizia del rigetto della richiesta arriva da Vincenzo Paticchio, che parla per nome e per conto di Monsignor Seccia:
“Abbiamo scoperto che la tappa leccese in piazza Duomo del tour era già stata pubblicizzata per il 6 agosto sul sito dell’artista e su quello di Ticketone, nonostante la commissione eventi della Curia non si fosse ancora riunita. La decisione è stata deliberata solo lo scorso primo aprile, quando la commissione si è riunita decidendo di non accogliere la richiesta. Il vescovo vuole aprire piazza Duomo agli eventi – ricordando i concerti de Il Volo e di Fiorella Mannoia programmati nel cartellone estivo – ma a condizione che i contenuti delle manifestazioni ospitate siano in sintonia con i valori del luogo. È vero, i giovani vanno incoraggiati, ma certi testi sono troppo irriverenti per essere cantanti nella piazza simbolo della Chiesa di Lecce”.
La cantautrice siciliana, dopo aver riflettuto, ha deciso di rispondere a questa “censura” tramite il suo canale Instagram.
“La Chiesa ci insegna ad analizzare i testi ma qui siamo davanti a delle persone che si sono fermate a leggere un titolo. Si dice che abbia offeso la sacralità, io invece ho difeso la sacralità della donna”.
https://www.instagram.com/stories/levanteofficial/?hl=it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.