Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Lupe Fiasco – American Terrorist II (nuova canzone)

2

A volte si crede che, in fondo, dopo tutte quelle parole sul rispetto e sulle guerriglie tra i neri del ghetto, i rapper che le cantano non le intendono del tutto e che, nel momento del bisogno, scatti solidarietà tra loro. E umanamente dovrebbe essere così. In realtà, ieri è successo ben altro.

A Chicago ieri hanno sparato ed ucciso un giovane rapper nigeriano, Lil JoJo. Per risposta, un altro rapper di Chicago, Chief Keef, il quale non andava molto d’accordo con Lil JoJo, non ha esitato a riderci sopra anzichè dimostrare il dolore per una giovane vita scomparsa.

Successivamente, in un’intervista alla radio, Lupe Fiasco, anche lui della stessa città, non può che sentirsi spaventato dall’attegiamento di Chief Keef. “Non specificamente da lui”, dice Lupe, “ma proprio dalla cultura che rappresenta. I miei amici e la mia gente sono tutti nel quartiere che lui rappresenta. I malviventi, i gangster, tutti quelli che vedi si uccidono gli uni gli altri e il tasso di omicidi a Chicago è volato alle stelle. E tu vedi chi lo fa e chi li sta commettendo – tutti sembrano come Chief Keef.”

Dallo sgomento di questa vicenda, Lupe decide di auto-leakare una traccia della seconda parte dell’album “Food & Liquor II: The Great American Rap Album, che dovrebbe uscire nel 2013. La traccia si chiama “America Terrorist II” e non ancora in versione definitiva.

Il brano segue in parte “American Terrorist”, presente nell’album di debutto “Food & Liquor”, mentre come contenuti è molto vicina alla nuova canzone di Brother Ali “Mourning in America”, anche lui contro la facilità degli omicidi.

In aggiunta a questa decisione, Lupe annuncia tramite Twitter che, dopo questi due album, abbandonerà definitivamente il rap per tornare alla sua prima passione: la letteratura. Speriamo che ci ripensi perchè, dopo le sconcertanti parole di Chief Keef, la musica ha bisogno di persone mature come Lupe che insegnino e non vaneggino di futilità.