M.I.A contro Beyoncé e Lamar: “non si interessano davvero di discriminazione”

0 60

MIA-photo

Da quanto “Formation” di Beyoncé è stata pubblicata, le polemiche sul suo conto non hanno mai smesso di far infervorare la rete. Un po’ per il malcontento dei fan, un po’ per il modo in cui è stato recepito il testo del brano ed il modo in cui Bey si è impelagata in una questione così importante, in moltissimi hanno avuto da ridire sul brano in questione, accusando la cantante di “Crazy in Love” di non essere davvero interessata a difendere la comunità afroamericana e di essere motivata soltanto da motivazioni commerciali.

Ebbene, in queste ore una nota collega dell’interprete, una di quelle che hanno iniziato a parlare di temi sociali fin dai propri esordi, soffermandoci sia sulla discriminazione di varie etnie che sui problemi dell’ambiente. L’artista di cui sto parlando è MIA, la quale in queste ore ha pronunciato una dichiarazione davvero al vetriolo che pur non colpendo proprio Beyoncé in maniera diretta che cita lei e Kendrick come esempio in modo non proprio lusinghiere…

Questo non è soltanto un mio pensiero, ma è quanto gente come Lauryn Hill pensava negli anni ’90. Idem Publick Enemy negli anni ’90. Beyoncé e Kendrick Lamar, per caso, dopo aver parlato dei diritti di una minoranza come quella afroamericana, estendono il discorso a quella musulmana? O ai siriani? O ai pachistani? Si interessano forse di queste persone? E non puoi neanche lamentarti di ciò attraverso i nostri media, chiaramente complici di tutto ciò.

Un pensiero sicuramente condivisibile, al di là del coinvolgimento di Lamar e Beyoncé. Quel che è certo è che davvero tutti coloro che si ergono a paladini della giustizia si dimenticano di certe realtà, e questo è un indice di scarso interesse da parte di chi professa invece di averlo eccome un interesse. Ci chiediamo però se non sia il caso di prendersela con politici o presunti tali piuttosto che con cantanti e rapper.

Voi che ne dite delle parole di MIA?

Commenti
Caricamento...