Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

M.I.A. lotta contro il genocidio dei tamil nello Sri Lanka

0 290

Tanta, tanta è la rabbia che M.I.A. esprime in queste ore tramite i social network. L’artista dalle origini tamil dello Sri Lanka, esprime il rancore che prova nel vedere il suo popolo represso dal governo ed esercito singalese. Una storia che ha inizio sin dal’indipendenza dall’Inghilterra, nel lontano ’48. I governi saliti al potere in quel periodo, e nei decenni a seguire hanno attuato una politica di repressione verso i tamil, togliendo da subito il diritto al voto e reprimendo la loro cultura.
Giunti negli ultimi anni, dopo continue lotte, i tamil hanno cominciato sempre più insistentemente a chiedere l’indipendenza, e a pretendere di avere la parte settentrionale dell’isola, per lo più abitata da tamil. Non sono mancate repressioni, guerre, sangue, e lotte di ogni tipo, di cui anche gli stessi tamil hanno dovuto macchiarsi. Dopo qualche segnale di pace arrivato nel 2004 però, il partito tamil ha visto uccisi i suoi componenti quasi nella totalità, accusati di terrorismo e vari attacchi contro il governo nei decenni precedenti. Ma la lotta non è finita… (QUI un po’ di storia, non completamente corretta)
Minimal-List-Trapanese-Max-Gazzetta-Sport-MIA-Matangi-01

M.I.A. afferma che gli stupri, omicidi e repressioni a danno dei tamil (quelli che dovrebbero essere terroristi) continuano tutt’oggi, e non si capacita del fatto che l’occidente, che tanto ama esportare la democrazia, non intervenga per fermare questa disgrazia. Ecco un forte articolo da lei stessa postato: CLICCATE QUI
La rapper continua affermando  che tutto questo poteva essere fermano alla partenza, prevenuto, e l’AIA avrebbe potuto intervenire prima, evitando che la propaganda del governo influenzasse la popolazione e il mondo, rendendo di conseguenza la vittoria della giustizia sempre più lontana. Esprime rabbia per il fatto che il semplice atto di ribellione di un tamil, come lanciare un sasso, porti come conseguenza l’invio di un drone, e la repressione, facendo passare come terrorista chi invece sta nel giusto.
mia-badgirlsNon le risparmia nemmeno agli statunitensi, affermando che i media e giornali occidentali, ma sopratutto degli USA sono del tutto ignoranti, e che il popolo del ‘american dream’ non ha la minima idea di dove sia lo Sri Lanka (ndr., come del resto casa loro), ma quando lei afferma di essere tamil viene sempre e comunque bollata come terrorista. Attacca Hillary Clinton, sostenitrice del governo, che ha bollato i tamil come il lato oscuro della faccenda, come terroristi, e come tipico degli USA sostenendo chi conviene. Ma non solo, critica la cultura occidentale che porta a viaggiare in paesi come lo stesso Sri Lanka, affascinati dalla cultura orientale, fregandosene delle condizioni politico/sociali della nazione visitata, e delle ossa e del sangue che impregnano quella terra… in poche parole tuffandosi a pieno in quella che chiamiamo ‘beata ignoranza’, o semplicemente menefreghismo.
Allega infine un link a QUESTO SITO (clicca), in cui ci sono varie testimonianze, chiedendo la fine della tortura.

La faccenda è più grave di quanto possa sembrare, e il genocidio, perché di questo si tratta, è tutt’ora in corso, con stupri, torture e omicidi di cui ci sono centinaia di testimonianze. Ma il mondo occidentale non sembra voler puntare il dito se non contro i tamil, sopratutto in questo periodo in cui i riflettori sono puntati in Ucraina e gli USA sono più attratti dall’idea di rubare clientela alla Russia, per vendere gas alla ormai schiava Europa.
Infatti una salita al potere da parte dei tamil porterebbe non pochi problemi agli USA. Ecco qui un’estratto da Generazione Zero, che spiega meglio la situazione:

[…]lo sterminio in massa di civili in Sri Lanka non è determinato da una guerra contro il “terrorismo Tamil”, come si vuole fare credere, bensì da interessi geo-economici e geopolitici militari strategici, che hanno a che vedere col controllo dell’Oceano Indiano e delle rotte del petrolio.

L’importanza geopolitica strategica dello Sri Lanka per la futura sopravvivenza energetica di USA, Giappone e Unione Europea, unisce queste potenze in un’azione comune per sterminare la ribellione nazionalista delle Tigri Tamil, che in caso uscissero vittoriose, potrebbero tracciare un’alleanza strategica con l’asse “Russia-Cina-Iran” […]

Voi che ne dite? Sostenete la causa su cui M.I.A. ha basato la sua intera carriera?

Get real time updates directly on you device, subscribe now.