Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Previsioni: quanto venderanno Hilary Duff, Adam Lambert e Giorgio Moroder?

0 1.328

Qualche tempo fa abbiamo parlato di come i progetti R&B pubblicati in questa annata abbiano ottenuto finora dei numeri commerciali veramente pessimi, ma a quanto pare il trend negativo non si limita solo a questo genere.

Questa settimana sono stati pubblicati alcuni degli album pop e dance più attesi degli ultimi mesi: sto parlando di “Breathe In, Breathe Out” di Hilary Duff, “The Original High” di Adam Lambert e “74 Is the New 24” di Giorgio Moroder.

Si tratta di artisti molto diversi tra di loro: la prima è una popstar assente da molti anni dalla scena, il secondo un cantante emerso da un talent che si è imposto grazie sia al suo talento che alla sua immagine da icona gay, mentre il terzo un produttore che ha fatto la storia della musica ma assente da troppo tempo perché ciò bastasse a garantirgli buone vendite.billboard-png

Tra i tre, l’unico relativamente fortunato è Adam, il quale dovrebbe piazzare tra le 34 e le 41 mila copie nella fitst week americana. Già decisamente inferiori dovrebbero essere le vendite di Hilary, che nonostante l’inaspettato dominio su iTunes si dovrà accontentare di 25-35 mila copie.

Tuttavia, il dato più sconvolgente è quello che riguarda Giorgio. Stiamo parlando del creatore della disco music, di uno dei produttori più importanti che abbiano mai messo piede sulla faccia della terra, di uno che a 74 anni ha avuto il coraggio di tornare in scena e di collaborare quasi esclusivamente con star emerse proprio nel suo periodo di inattività, eppure per lui dovrebbero esserci tra le 8 e le 11 mila copie. Una miseria.

Sinceramente, questi dati non fanno altro che avvilirmi. Il mercato discografico è sempre di più alla frutta, e per quanto alcuni artisti vendano ancora, ho seriamente paura che esso prima o poi possa fallire. Voi sa ne pensate?

Get real time updates directly on you device, subscribe now.