Rnbjunk Musica – Ultime notizie e gossip di musica
Hip Hop - R&B Pop Recensioni

Rihanna – Talk That Talk (Recensione CD)

Non è certamente la popstar più abile vocalmente, non è nemmeno la più brava on stage, tuttavia è la rappresentazione del Pop moderno, ed è assolutamente inarrestabile nei tempi, sfornando a 6 anni dal suo debutto il suo sesto album in studio intitolato “Talk That Talk”. A meno di 1 anno di distanza dal suo precedente “Loud”, che ad oggi ha venduto oltre 6 milioni di copie nel mondo, la SuperStar caraibica torna con un progetto nuovo di zecca che farà la gioia dei suoi fans. Dei fans che non sono mai rimasti a digiuno di nuova musica della loro beniamina da quando ha fatto ballare il mondo con “Pon Da Replay”, nel lontano 2005.

Il nuovo progetto “Talk That Talk” viene anticipato dal nuovo singolo “We Found Love” mentre ancora “Cheers” faceva il suo gioco in classifica. La prima track del disco segue un filo logico, ha un beat dance, e sembrerebbe che Rihanna voglia proporre una sorta di “Loud” parte 2, tuttavia, durante questa recensione, scoprirete che la ragazza vuole creare atmosfere diverse tra loro, in un disco, che già dal primo ascolto risulta più rischioso, variegato, e futuristico.

1) You Da One: ..proprio dal secondo estratto dal disco, si può capire che Rihanna non è solamente una semplice popstar che segue i trend dance-commerciali del momento. Scritta da Ester Dean e prodotta da Dr.Luke, la canzone è creata appositamente per fare il delirio nelle radio, proprio così, “You Da One” è estremamente radio compatibile, ed a differenza del primo singolo potrebbe piacere tantissimo anche agli ascoltatori Urban. Fresca, sbarazzina, giovanile, e perfetta per i suoi fans. Un Pop decisamente più rilassato, che respira, e che profuma di anni ’90! “My Love Is Your Love, Your Love Is Mine” ricorda inequivocabilmente “My Love Is Your Love”, la hit del 1999 di Whitney Houston, che Rihanna ha citato più volte come suo idolo. Ma si tratta solo di una somiglianza di lyrics, il pezzo ha delle tinte pop, ed il solito accenno caraibico, che la rende a dir poco irresistibile. Dopo alcuni ascolti diventerà la canzone che fischietterete più di questo CD!

2) Where Have You Been: insieme a “We Found Love” è la track più dance e più pompata. Il risultato forse supera addirittura il primo singolo, farcita di sonorità potenti, distorsioni, bassi, e voce che s’incolla ad un beat dai sapori trance. Il pane giusto per il suo fanclub “pro Loud” ed assolutamente una club-banger per le discoteche commerciali. La produzione sembra molto simile a quella di Calvin Harris, tuttavia dietro questo pezzo c’è la mano di un versatilissimo Dr.Luke. Successo assicurato, anche se a tratti questa esasperazione nel beat la rende una delle track più truzze degli ultimi anni.

3) We Found Love: la prima domanda che mi sono posto quando l’ho sentita è “come la farà live?”! “We Found Love” è una canzone commerciale-dance al 100%, ma la vocalità di Rihanna è armoniosa, leggera, prolungata, ed angelica. Il richiamo spietato alla dance (o italo-dance) degli inizi ’90, senza dubbio. La combinazione tra la voce soave, ed il beat aggressivo, me la fa apprezzare più di “Only Girl” ed altri singoli dance della Rih. Il video che accompagna la canzone è provocatorio e forte, e certamente uno dei migliori di questo 2011. Pollice verso invece per la monotonia del testo, anche un po’ banalotto, anomalia che viene assolutamente compensata da una creazione Dance superlativa e di spessore. Già 3 le settimane alla 1 di Billboard, un nuovo grande risultato per RiRi.

4) Talk That Talk (feat. Jay-Z): e qua cominciamo veramente a capire che questo progetto non è il solito banale assemblaggio di musicaccia dance-frociarola. Insieme a Jay-Z Rihanna fu consacrata ed entrò nell’olimpo delle superstar internazionali con “Umbrella”. Con “Talk That Talk” riscopriamo finalmente una Rihanna più R&B! Beat creato dagli Stargate praticamente impeccabile, forma perfetta per i club, splendido beat aggressivo ma non schizofrenico. Sexy, coinvolgente, ed un bridge che non vediamo l’ora di ballare! La coppia lavorativa centra ancora una volta l’obiettivo, certamente sarà dura superare “Umbrella” ma siamo convinti che questo singolo potrebbe fare la felicità, specie nelle classifiche Urban!

5) Cockiness (Love It): Rihanna senza alcun pudore, questa la caratteristica di questa “Talk The Talk” Era, che si esprime anche tramite questa pazzesca, confusionaria, e forse eccessiva produzione di Bangladesh “Cockiness (Love It)”. Ms. Citofono (come l’ho soprannominata con amici) esprime tutta la sua ricercata volgarità in questa uptempo caotica, e chissà, innovativa? “Mi piace, mi piace, Mi piace quando la mangi”, ripetuto fino alla nausea. Sarà forse il sangue caraibico che scorre nelle sue vene, ma certamente con questo pezzo si è superata in volgarità. Detto questo non riesco ancora ad esprimermi sul lavoro di Bangladesh, e questa produzione certamente fuori dal comune… una canzone “trend-setter”, o semplicemente un’ammucchiata di sonorità a caso?

6) Birthday Cake:

7) We All Want Love: dopo essersi fatta una doccia fredda ed essersi calmata dalle sue voglie bollenti, Rihanna torna in versione romantica. Produzione dei No ID, che ricorda le produzioni Stargate di alcuni anni fa, un testo banale e buonista con il quale però ci si può facilmente identificare. Quasi da stadio, con tanto di chitarrina che la rende quasi una produzione country. Il pezzo mostra la faccia più “pulita” di questa discussa popstar. Non penso abbia le capacità di muovere grandi numeri in classifica, e pertanto preferirei rimanesse una album track.

8) Drunk On Love: anche gli StarGate hanno voluto tornare sulle loro orme con “Drunk In Love” una midtempo delicatissima, dove Rihanna si sgola letteralmente. Il pezzo certamente ha del grande potenziale, e nel beat possiamo trovarci delle somiglianze con “Closer” del suo amico Ne-Yo. Potrei vederla assolutamente come un grande successo, specialmente quando ci sarà da scegliere una canzone un po’ più tranquilla. Con tutto l’impegno, questi nuovi pezzi tranquilli di Rihanna non riescono a scalfire la grandezza di track del passato come “Unfaithful” o “Take A Bow”. Ho la vaga sensazione che questo tirare “eccessivamente” la voce di Rihanna sia quasi controproducente.

9) Roc Me Out: e qua non posso fare che inchinarmi a sua maestà. Stargate assolutamente ispirati per questo album, e “Roc Me Out” per conto mio sfiora il capolavoro! Questi finalmente si sono svegliati ed hanno deciso di diversificare un po’ il Pop di oggi, praticamente riciclato e fotocopiato con le solite sonorità truzzo-dance. In “Roc Me Out” ci sono venature un po’ rockeggianti (la sua “Fighter”?), c’è un’energia incredibile, un ritornello impeccabile senza balbuzie alla Lady Gaga, un beat irresistibile e ballabilissimo senza trance e senza bassi invasivi. Coinvolgente, diversa dai pasti quotidiani che ci vengono offerti nella musica Pop 2011, una sorta di piatto appetitoso ed esclusivo. Innamoratissimo.

10) Watch N’Learn: produzione di Hit-Boy, la track è certamente la più “Rude Boy”, la più caraibica del progetto. Beat allegro, veloce, estivo, fresco. Rihanna gioca con delle filastrocche, tira fuori la voce più cruda e ringhiata. Spassosa, ma forse le manca qualcosa….

11) Farewell: Conclude il disco base questa produzione di Alex Da Kid, che regalò il successo a Rihanna ed Eminem in “Love The Way You Lie”. Il pezzo non raggiunge tale livello, ma sicuramente è una canzone riuscita, tanto da diventare nel disco la mia slow preferita. Ballatona romantica, sound pieno e coinvolgente, quel tipo di pezzi che nel freddo inverno potrebbero fare grandissimo successo, chissà se l’etichetta la sceglierà come singolo.

Bonus Tracks:

12) Red Lipstick: Chase & Status producono questa canzone magica! Beat tra l’elettronico e le sonorità tribali arabe, si fondono in una track che meritava il suo posto nella versione Standard del disco! Dopo “Talk That Talk” e “Roc Me Out” diventa il mio terzo pezzo preferito del disco. La produzione è assolutamente impeccabile, innovativa, sofisticata, ricorda un po’ la “Rated R” Era. Ci vedrei perfettamente un video dark, occulto.

13) Do Ya Thang: torna una produzione Dream, producers che negli anni ha firmato tante hits, ma che con l’ultimo album di Ciara ha provato di non essere in un periodo molto favorevole. La canzone scivola via piuttosto facilmente, qua viene ricercato un ritornello ripetitivo, che però al momento non mi colpisce particolarmente.

14) Fool In Love: Rihanna si rivolge a Mamma e Papà in questa canzone, per declamare il suo amore verso un ragazzo. Trattasi di una ballad, dolcissima, con un testo assolutamente originale, ed una Rihanna sorprendentemente virtuosa a livello vocale. Un virtuosismo che purtroppo fino ad oggi le riesce bene solo sul disco inciso e modificato…
Buona canzone, ballatona con degli inserti di chitarra elettrica, Pop di buon spessore.

Rihanna è la grande cross-over Postar di questi anni, e lo dimostra al 100% in questo sesto lavoro in studio. Chi si aspettava un lavoro affrettato è rimasto spiazzato. Quasi tutti i brani del disco hanno potenziale, e posso scommettere che Rihanna farà segnare nuovi record con questo album.

Troviamo elementi dance, che hanno fatto il successo di Rihanna specialmente in Europa, ma troviamo anche dei brani che richiamano l’R&B, ed un Pop più genuino e variegato, senza dimenticare le sonorità caraibiche che appaiono quasi sempre in qualche pezzo dei lavoro di Rihanna, e che la differenziano dalle altre.

“Talk That Talk” è un progetto completo, un buon compromesso tra l’innovativo e rischioso “Rated R” ed il commercialissimo “Loud”.

Come Popstar, ad oggi Rihanna avrebbe la possibilità di superare tutta la concorrenza. Per riuscire in questo deve mantenere saldo il suo fanbase Urban, deliziato da brani come “Umbrella”, “Rude Boy”, ed in questo caso “Talk That Talk”, ma deve anche occuparsi di estendere il suo dominio Pop, mantenendosi aggiornata nelle produzioni e nel sound, in questo caso faranno al caso suo “We Found Love”, “Roc Me Out” e “Where Have You Been” in questa Era.

Se la analizziamo a risultati in classifica, e capacità di fare “cross-over”, Rihanna può essere vista come una Beyoncé Knowles o una Janet Jackson dei tempi moderni. Non spaventatevi, si tratta di un paragone riferito al profilo “commerciale” e di risultati nelle charts, niente a che vedere con il talento assolutamente differente tra queste tre artiste.

Nel complesso mi sono trovato a mio agio ascoltando questo CD. Mi aspettavo un disco riciclato, frettoloso, giusto per tenere in vita il nome di Rihanna nelle charts, ed invece sono rimasto sorpreso, colpito dalle produzioni variegate e ben elaborate di questo lavoro. Bilanciato bene, non manca niente, e renderà felici sia i fans della “Rated R” Era quanto quelli della “Loud” Era, oggettivamente molto diversi tra loro. Pur apprezzando la costante uscita di nuovo materiale, ci auguriamo che questa era possa essere sfruttata al 100%, e possa aprire un momento di pausa per lei.

R&B Junk Rating: 3.5/5

106 commenti

The Run 18 Dicembre 2011 at 19:38

Sono appena andato a comprare l’album e sinceramente qst è uno dei migliori album del 2011!!!!!!!!Io qst album lo preferisco a Loud che era troppo pop a livelli di Teenager Dream di Katy Perry. Questo album non è per niente affrettato come pensavo che fosse ma invece è molto sentito e profondo. Per la prima volta in qst album rihanna a messo le mani in quasi tutte la canzoni. Regalatelo a natale, per il compleanno, insomma COMPRATELOO SUBITO!!!!!!! ve lo consiglio da vero fan di Rihanna. Ecco secondo me le canzoni più belle dell’album:
WHERE HAVE YOU BEEN
TALK THAT TALK feat. Jay-Z
WE FOUND LOVE feat. Calvin Harris
COCKINESS (LOVE IT)
DRUNK ON LOVE
ROC ME OUT
FOOL IN LOVE
FAREWELL
YOU DA ONE
BIRTHDAY CAKE
WE ALL WANT LOVE
WATCH N LEARN
RED LIPSTICK
DO YA THANG

P.S: Sono contrario con quelli che dicono che Rater R sia il migliore album di rihanna! Qst lo supera di mille volte!!

Rispondi
Ennakuro7 1 Dicembre 2011 at 18:04

il nuovo album e molto bello non forse come Good Girl Gone Bad ma o notato una somglianza tra Talk That Talk e Cheers e credo che Talk That Talk sia la Cheers completa e secondo me sara un ottimo singolo

Rispondi
Noemi Riri Ippolito 30 Novembre 2011 at 14:28

5/5 <3

Rispondi
Rihanna4ever 25 Novembre 2011 at 21:33

Non l’avrei mai pensato,ma quest’album mi piace quasi quanto il predecessore Loud, e non pensavo dato il poco tempo che ci ha messo a farlo. Invece è molto bello,eccetto per Birthday Cake e Red Lipstick:

YOU DA ONE: 8,5 (bellissima)
WHERE HAVE YOU BEEN: 8- (molto bella ma troppo truzza)
WE FOUND LOVE: 9 (capolavoro)
TALK THAT TALK: 9,5 (la amo alla follia 🙂 in alcuni pezzi assomiglia molto ad Umbrella)
COCKINESS: 6 (carina ma niente di particolarmente speciale)
BIRTHDAY CAKE: 4 (un minuto di inascoltabile ammasso di suoni martellanti)
WE ALL WANT LOVE: 7 (molto carina ma con tutte le altre canzoni dell’album non ci azzecca niente)
DRUNK ON LOVE: 7,5 (bella)
ROC ME OUT: 8,5 (bellissima,assomiglia molto Rude Boy,anche se non riesce proprio ad eguagliarla)
WATCH N LEARN: 8- (molto carina,mi ricorda Raining Men di Loud)
FAREWELL: 8,5 (bellissima)
RED LIPSTICK: 5 (non mi dice nulla)
DO YA THANG: 7- (carina ma un po’ banale)
FOOL IN LOVE: 6,5 (carina ma non è tra le mie preferite dell’album)

Rispondi
solis90 25 Novembre 2011 at 18:49

A me piaciucchia l’album. Certo non entra il testa al primo colpo come invece era riuscito a fare Loud. Comunque credo che Rated R fosse un disco molto più completo e che l’unico errore fatto sia stato riguardante la scelta dei singoli. Personalmente non sarei mai partito con Roussian Roulette. Avrei rilasciato Wait Your Turn come singolo ufficiale e ne avrei fatto una promozione adeguata perchè meritava. Io avrei rilasciato i singoli in questo ordine.

01. Wait Your Turn
02. Rude Boy
03. Fire Bomb
04. Roussian Roulette (quarto singolo europeo)
05. Hard (quarto singolo USA)
06. Rockstar 101 (quinto singolo USA)
07. Te Amo (quinto singolo Europeo)

Secondo me con questi rilasci il singolo avrebbe fatto più successo.

Parlando di Loud, credo che l’album e la scelta dei singoli sia stata più che azzeccata. Semplicemente io avrei invertito le release di Man Down e S&M. Avrei infatti rilasciato Man Down come terzo singolo e S&M successivamente. Anzi avrei rilasciato direttamente il remix di S&M con Britney. Va beh comunque poco male. I singoli erano quelli. Anche se avrei amato anche Fading, Raining Men, Skin e Love the Way You Lie 2 ma il meglio è stato estratto.

Parlando di Talk that Talk non saprei. We Found Love è stato un mega successo. You Da One devo ammettere che nonostante i buoni riscontri mi lascia comunque perplesso. Where Have You Been deve essere estratto ma sicuramente non è stato scelto come secondo singolo per lasciare spazio anche al lato urban di Rihanna (come era successo con Loud nell’ estrazione di Only Girl e What’s my name). Talk that Talk tuttavia sarebbe stata a mio avviso una scelta migliore come secondo singolo. E non solo per il featuring di Jay Z ma anche perchè è il tipo di canzone urban che amo! Adoro Birthday Cake ma non ho ancora sentito la versione completa. Per quanto riguarda Roc Me Out solo uno stupido non la estrarrebbe e Rih non è stupida. Roc Me Out è la Man Down di questo disco…vale a dire la mia preferita del CD. Anche Farewell è bella. Devo ascoltare il cd ancora un paio di volte prima d esprimermi. Però il disco contiene molti potenziali singoli e tracce potenti anche se nel complesso Loud era obiettivamente più radio friendly. Ma dati i risultati dei primi due singoli dubit che questo disco prenda un flop in faccia come fu per Rated R (flop davvero non meritato). Tuttavia mi chiedo se anche quest’ era sarà longeva come la precedente. Ad una prima impressione io come singoli riesco ad immaginare:

01. We Found Love
02. You Da One
03. Where Have You Been
04. Talk that Talk
05. Roc Me Out
06. Farewell

Vorrei anche Brithday Cake ma non ho ancora capito se la versione completa esiste effettivamente oppure si tratta di una intro. bah

Rispondi
Francesco Romano 24 Novembre 2011 at 19:24

è figo il cd!! le piu belle per me sono watch’n’learn, fool in love, roc me out….. anche se non so…. è come se mancasse qualcosa……. BOHH cmq lo comprerò!

Rispondi
Francesco Romano 24 Novembre 2011 at 19:25

ah solo una cosa! ODIO YOU DA ONE!! è la canzone piu brutta dell album……

Rispondi
Emanuele Ambrosio Waldorf 24 Novembre 2011 at 13:26

A primo ascolto non mi ha affatto convinto. Where Have U Been e Farewell sono le uniche che mi hanno colpito…
Concordo con chi reputa RR il miglior disco di Rihanna mai fatto finora!

Rispondi
BlackG 23 Novembre 2011 at 22:25

Secondo me non doveva fare la deluxe. Se avesse messo Fool in Love e Do ya thang nella standard al posto di Cockiness e soprattutto di Birthday cake (tracce a mio parare del tutto inutili) probabilmente sarebbe uscito un album più compatto e solido, a differenza della standard che mi pare una re-release spacciata da album.

Rispondi
Joseph Brescia 23 Novembre 2011 at 08:49

le mie preferite sono : You Da One, Where Have You Been, We Found Love, Roc Me Out, Farewell (stupenda ballata) , Red Lipstick

Rispondi
Okay 22 Novembre 2011 at 23:51

Album trascurabile. Uniche canzoni interessanti? Talk That Talk e Roc Me Out. Il resto è un mucchio di clap e give me baby baby senza colore, senza impegno, senza motivazione. Non commeto positivamente neanche le tante blasonate Where Have You Been e We Found Love perchè le trovo assolutamente sciatte e volgari. I classici pezzi tamarri che tutti criticano, ma chissà perchè, tutti, banalmente, ascoltano. Il migliore lavoro di Rihanna per me resta Rated R. Anche il commercialissimo Loud aveva il suo perchè, tutto sommato. Ma quest’ultimo step per me non era necessario.

Rispondi
Felice 22 Novembre 2011 at 23:15

Beh Io dico che non lascia il segno.Mi dispiace perchè mi piace tantissimo rated r e apprezzo loud,ma questo capitolo creato cosi in fretta ,verrà cestinato in fretta quanto il tempo per produrlo registrarlo manco 4 mesi almeno per le incisioni.Unica traccia salvabile farewell ecco la mia recensione
You da one beh forse è una delle poche tracce fattibile dell’album anche se come detto io la salvabileè l’ultima
we found love hit americana e mondiale,che fra 1 anno non sapremo manco più chi la canta,fra 15 anni ,20 anni poi ancora peggio,i pezzi rari sono le band degli anni 90,che dopo 2 decenni si ricondano ancora,(a parte piccola parentesi)
Where have you been,cominciata bene e finisce nella truzzaggine porfonda e totale,
Rock me out,uguale rude boy part 2 the revange!!!!Si salvi chi può
Talk That talk altro prezzo piacevole una delle pochissime canzoni del disco che dovrebbe diventare singolo insiema a farewell
Cockiness totally shit cos è questo una canzone,un porno o cosa???
Birthday Cake ,nbeh in 1,21 sento solo cake,cake cake,cake cake,te lo do io il dolce bellaaaa!!!
we want all love,beh qualche dubbio ,non so come descriverla tra le 3-4canzoncine fattibile o l’unica salvabile hahahahah,
red lipstick non la ho ascoltato un tutolo come rossetto rosso,mi sa di gossip girl LOL
Le altre due della deluxe forse fool in love può andare
Io farei uscire
:Fareweel
Talk that talk
Drunk on love,che pure è fattibile
mentre escono:
Where have you been,rock me out(scia rude boy),cockiness(scia S & M pussy),forse what me ‘learn che trovo paranoica da mal di testa e forser forse Thak that talk per il duetto e forse fareweel sulla scia di californica king bed anche se quest’ultima non so se esca , voto 0.5/100 non ho sbagliato ho scritto cento hahahah

Rispondi
Lorenzo Ruberto Borgia 28 Novembre 2011 at 00:20

Non ricorderemo chi ha fatto we found love perchè non conta quante settimane alla uno faccia un pezzo, conta la sua incisività, la sua originalità…Rihanna è troppo commerciale per avere le sue hit ricordate un giorno, l’unica che si salva è Umbrella seguita nella migliore delle ipotesi da Disturbia e Rude Boy…lo stesso accade per la maggior parte dei pezzi di Mariah e la Minogue…i singoli di Madonna invece sono ricordati come quelli di Britney così come lo saranno quelli di Gaga: sicuramente Poker Face, Bad Romance e Born This Way (quest’ultimo solo perchè è un inno gay)

Rispondi
Andrea Osella Ghena R 28 Novembre 2011 at 07:21

Ma cu Czz sei tu? E proprio vero che gl italiani non capiscono un c di musica.. Ma andatevi ad ascoltare Vasco o toziano ferro vah! Artisti come RIHANNA ecc non dovrebbero neanche venire in Italia.. Ce troppa ignoranza e incomprensione.. 4 mesi x fare un album? Ma chi siete x dire questo dei manager che la seguono ovunque va? Va beh.. Questo album resta pur sempre uno spettacolo.. Più di loud,meno di rated r, alla pari di good girl gon bad

Rispondi
Anonimo 22 Novembre 2011 at 22:03

Un vero peccato per Birthday Cake…

Rispondi
Francesco Carreri 22 Novembre 2011 at 20:54

Veramente qualcosa di stupendo. Amo tutte le traccie…
La mia preferita è sicuramente Drunk on love / Roc me out, invece la meno bella è We all want love / Do Ya Thang

Rispondi
Andreo 22 Novembre 2011 at 19:07

Secondo me é il secondo miglior CD dopo Rated R!!! Anche se Where Have You Been mi fa schifo…amo alla follia Red Lipstick, You Da One, Cockiness, Roc Me Out, Talk That Talk e anche se dura solo 1:21(-.-) Brithday Cake…..ho rivalutato tantissimo anche We Found Love che all’inizio mi faceva vomitare….spero accada lo stesso con Where Have You Been….

Rispondi
Arianna Papini 22 Novembre 2011 at 13:44

l’unico difetto è che sembra + un ep che un album vero e proprio (10 tracce e mezzo(birthday cake))

Rispondi
io 22 Novembre 2011 at 13:22

a me piace tantissimo drunk on love

Rispondi
Didì Suga-Mama 22 Novembre 2011 at 12:43

Andrèe.. Quoto in toto!! E vorrei aggiungere: ieri è uscito l’ultimo capolavoro di MJB e l’album della settimana recensito è quello di Rihanna? Ma R&B Junk? Dovrebbe rinominarsi in Pop Junk! Ragazzi se davvero vi piace l’R&B andate a cercare quelli che non stanno in cima alle classifiche!!

Rispondi
Andy 22 Novembre 2011 at 01:34

Trovo che Roc Me Out sia uguale a Rude Boy…ha le stesse note…
Where Have You been è tracciabilissima a Don’t Stop The Music più tamarra… e Farewell è identica a California King Bed….chiunque abbia rihanna nel suo iPod se ne puo’ accorgere…

In ogni caso questo album è proprio bello!

Rispondi
Mat Teo 21 Novembre 2011 at 22:52

ottima recensione complimenti!

Rispondi
Dani 21 Novembre 2011 at 21:14

A chi ha detto che la musica dubstep l’ha fatta andare di moda britney, state inventando proprio, è stato skrillex nel 2010, britney non ha fatto andare di moda un bel nulla riguardo la dub step, si in blackout ce ne era il 0,001% ma Rihanna ha reso le sonorità molto più esplicite in rated r.

Rispondi
Davide Bellasio 21 Novembre 2011 at 17:40

VOTO 6! Niente d speciale! Apparte 3o4 canzoni belle!

Rispondi
solis90 21 Novembre 2011 at 16:54

L’album è bello. Sicuramente ha meno possibili singoli rispetto a Loud palesemente strutturato per vendere il più possibile. Tuttavia i numeri ci saranno. Mi piace Rihanna perchè fin dagli esordi è riuscita a fare propri diversi generi musicali perciò riesce sempre a spaziare e tenersi buoni tutti i suoi fans senza correre rischi eccessivi. Secondo me Rihanna è un vero prodotto studiato alla perfezione. Certo può essere una presenza importante ad oggi ma sicuramente lei è nettamente inferiore alle due cantanti citate: Beyoncè e Janet. Tranquillo, ho capito il senso del paragone. Però diciamo che Beyoncè nella voce e Janet nella presenza sul palco sono delle leggende. Di Rihanna mi chiedo: Se non avesse quel bel faccino e il fisisco sexy sarebbe dove si trova? Bee e Janet si scrivono le canzoni, ballano e cantano. Rihanna diciamo che come Kathy Perry è semplicemente il frutto di un’ enorme botta di culo! Lei ha dato voce ad un progetto ben strutturato. Il Disco è obiettivamente bello. Lei è un personaggio apprezzatissimo. Andrò al suo concerto quindi la mia critica e il mio apprezzamento è da fan che però sa essere obiettivo. Nei prossimi singoli spero di vedere estratti Roc Me Out, Talk that Talk e Where Have You Been che sarà estratto sicuramente. Spero sopratutto che Roc Me Out esca presto perchè ad esempio il capolavoro di Loud, ovvero Man Down fu estratto troppo tardi per riuscuotere il suo meritato successo al 100%. Se fosse stato estratto dopo What’s my name sarebbe sicuramente stata una hit!

Rispondi
JoeJonas97 22 Novembre 2011 at 12:24

quoto con quello che hai detto e parlo anche io da fan! 🙂 apparte il fatto che katy perry è un cane ed è ridicola con tutti quei dolcetti e abiti colorati a 30 anni xDD cmnq quoto anche io sono obbiettiva! ma janet intendi janet jackson vero? bah…è brava si ma ricordati del fratello michael jackson! xDD avra pure una bella voce e sa ballare ma lo sanno fare tante! (non rihanna) secondo me è merito del fratello se è dove sta ora…ha iniziato con un telefilm che neanche ricordo proprio negli anni 80…cmnq come artista rnb è eccellente! boh so rinciglionita stamattina D: xD

Rispondi
Joseph Brescia 21 Novembre 2011 at 16:46

amo questo cd

Rispondi
Antonio Andricciola 21 Novembre 2011 at 13:22

Ho ascoltato il CD e sebbene non avessi molte aspettative, invece mi ha preso già dal primo ascolto !! Ho letto alcuni commenti e mi viene solo da ridere, come si fa a dire che Rihanna propone sempre le stesse canzoni quando invece riesce continuamente a reinventarsi e all’interno dello stesso disco troviamo generi completamente diversi??!! La sua versatilità è proprio il suo punto di forza. Comunque per quanto riguarda TTT non ho remore nel dire che è il suo disco più riuscito, addirittura superiore a RR perchè riesce ad accontentare anche gli ascoltatore meno raffinati e più commercial oriented. Detto ciò, tanto di cappello a Rihanna! u.u

Rispondi
rasky 21 Novembre 2011 at 12:12

io credo che occorra essere obiettivi: questo album non sembra granchè. Quando ascoltai loud, pur non piacendomi le canzoni prettamente commerciali, dovetti ammettere che rappresentava al meglio il suo genere. In questo album invece si avverte che il tutto è fatto per avere il primo posto in bilboard. Non mancano canzoni degne di nota (mi piace quella con jay-z) ma per il resto credo che anche lei si sia spinta troppo verso l’accozzaglia di suoni. Vedi il relativo flop di lady gaga ( e non sono polemico, ma è un dato di fatto che c’è un abisso tra the fame e born this way), vedi il flop dei black eyed peas….A me queste canzoni sembrano tutte uguali.

Rispondi
Luca 21 Novembre 2011 at 11:32

Secondo me Birthday Cake sarà stato frutto di un litigio, non so perché immagino la cosa così
-“Ah non mi volete fare/dare/permettere questa cosa? Allora io non finisco di cantare la canzone…”
-“Bene! La inseriamo a metà, sono fatti tuoi poi!”

XD a parte gli scherzi davvero non riesco a capire perché sia tagliata a meno della metà proprio sul bridge….

Rispondi
Music 21 Novembre 2011 at 08:50

Bithday Cke pensavo fosse una demo non leakata, invece è proprio così… 😉
Comunque penso che il management di Rihanna voglia trovare un compromesso, il disco risulta un po’ un minestrone, al primo ascolto sono rimasto un po’ deluso, al secondo già mi avevano preso tutti i brani.
Where Have You Been è la hit in canna come terzo singolo, sono sicuro, bella Farewell, ma Cockiness è una fi#ata assurda xD

Rispondi
Evan King McWorld 21 Novembre 2011 at 08:14

Sono molte le tracce che ho amato dal primo ascolto: la titletrack con un Grande del Rap come Jigga, Talk That Talk, che per me quale fedele fan Urban è la migliore della Regular, e Roc Me Out, che ha una base potentissima, la perla Farewell, Red Lipstick – preferita in generale del disco per adesso e molto probabilmente anche nei prossimi mesi per quel tipico sound da Rated R che mi spinge a metterla in repeat, oltre quei vocal in background che si mescolano perfettamente nella canzone -, Cockiness (Love It), bizzarra e fighissima allo stesso tempo, la bonus ballad Fool In Love e (l’interlude o cosa si può dire?) Birthday Cake – anche questa con un beat potente, peccato solo per il minuto e 30 di durata…
Nel complesso è un progetto che si fa apprezzare. Concordo perfettamente con i vostri commenti, in tutto e per tutto. Se solo non ci fossero il lead-single e Where Have You Been? che toccano l’House e non vedo il senso di
tali pezzi-spazzatura a parte quello commerciale poiché rovinano l’insieme (sono le uniche che non digerisco e mai digerirò), per quanto mi riguarda questo lavoro potrebbe anche essere paragonato a Rated R e Good Girl Gone Bad. Per il resto è un buon disco Urban.

Rispondi
EXPRESS 21 Novembre 2011 at 08:04

Io adoro Birthday Cake…doveva farla intera quella canzone! Rihanna sacrifica sempre le più belle, come l’intro di Rated R!

Rispondi
Lovy 21 Novembre 2011 at 01:38

Qualcuno saprebbe rispondere al grande mistero di Birthday Cake? qualcuno mi dia una risposta vi prego!

Rispondi
Alex 21 Novembre 2011 at 14:21

forse perche dura appena 1.20 e il significato sarebbe tipo “lecca la mia torta” xD

Rispondi
IwillBe 21 Novembre 2011 at 00:54

L’ho ascoltato ma non abbastanza da farmi un’idea ed esprimermi nel dettaglio. Sono tuttavia, come per Junkie colpito in positivo, mi piace è davvero interessante il progetto. Resto sempre del parere che tra i 6 dischi il migliore resta RR, Loud si lascia ascoltare ma ci trovavo troppo cervello, troppo marketing, raggruppava tutte le “rihanne” di successo con pochi pezzi molto ben confezionati. Con TTT fa un bel passo avanti e azzarda.

_Loray_

Rispondi
Simone Zizzi 21 Novembre 2011 at 00:36

Birthday Cake ?

Rispondi
Andrèe Manin 21 Novembre 2011 at 00:16

Usando il vostro confronto io darei 2.5 a Femme Fatale e 2 a Talk That Talk. Io trovo che sia sempre la stessa roba, ci sono rimandi a: Te Amo, California King Bed, Rude Boy, Only Girl, What’s My Name, Rockstar 101 da 3 cd che è ferma sempre sulla stessa roba, io non ci trovo nulla di fresco o di nuovo, ma solo pesantezza e già sentito. Ma poi, non vi viene il ribrezzo a sentire dei testi del genere? Bho per me la musica dovrebbe diffondere ideali (politici, umanistici, sociali), pensieri,storie da raccontare, opinioni su ciò che accade nel mondo, così si conosce un artista, in base a quello che pensa . Certo ci stanno le canzoni d’amore (anche se son fin troppe) e magari qualche cosa alla Last Friday Night. Ma parlare solo e costantemente di come Rihanna vuole essere sco**ta perdonatemi ma che schifo, sono canzoni fatte così per vendere, senza il minimo apporto da parte sua, o almeno spero perchè se tutto quello che Rihanna riesce a dire è “mangiamela tutta” dio ce la scampi. Possibile che sta donna non abbia qualcosa di interessante da dire al mondo che l’ascolta e che la frase più profonda che riesce a canticchiare è “abbiamo trovato l’amore in un posto senza speranza”? Ps. coscrivere è diverso da scrivere, ben diverso.

Rispondi
rihanno 21 Novembre 2011 at 00:43

maaaa cheee pesantezzaaaaa… ha 23 anni santo cielo…

che deve cantare il “codice da vinci” .-. STIAMO PARLANDO DI “POPSTAR”

Rispondi
Andrèe Manin 21 Novembre 2011 at 11:36

Eh si ha 23 anni,Adele ne ha 21, Lady Gaga 25 eppure dio grazie evitano e parlano di qualcosa di interessante. Io ne ho 19 ma piuttosto di cantare canzoni che dicono “dammelo”, “spingimelo”, “mangiamela”, “le fruste mi eccitano”, “fammi fare su e giù” o quel che è mi sparerei un colpo in gola.

Rispondi
Andrèe Manin 21 Novembre 2011 at 22:48

21 sarà monodiscorso quanto vuoi ma 100 volte meglio sentir parlare di amore che di come qualcuno voglia essere sbattuto, c’è a chi frega? sei in calore? tienitelo per te, santo cielo.
Scusa ma è Rihanna quella a cui fan su prodotti adatti alla classifica, senza ne anima ne corpo atti solo a vendere eh.Se Gaga scrivesse solo per vendere Bloody Mary, Electric Chapel, Americano non avrebbero quei testi, e nemmeno Judas che già solo il titolo gli è costato un boicottaggio radiofonico.

Rispondi
Mat Teo 21 Novembre 2011 at 22:56

a rihanna non piace il ca**o cioè sicuramente! ma la sua casa discografica questa volta ha puntato su un cd sexy e spinto a livello di testi! e i produttori si sono adattati di conseguenza.. tranne qualche canzone non è rihanna a scrivere.. è ben diverso da lady gaga! rihanna canta e ci mette la sua bellissima voce e rende sexy e arrapanti tutte queste canzoni perchè le fa sue… ma scommetto che non vuol trasmettere soltanto questo è una strategia di vendita come altre..
lady gaga vuole sia vendere cercando temi profondi sia trasmettere quel che prova lei

Rispondi
Andrèe Manin 22 Novembre 2011 at 17:47

Ma appunto dico, visto che già la fatica di scriverle non la fai, almeno scegli qualcosa di intelligente e interessante

Rispondi
alesalas 20 Novembre 2011 at 23:51

a me rihanna piace, non posso negarlo. però bisogna mettere i puntini sulle I. anzitutto accostare il termine “artista” a “rihanna” sfiora la blasfemia: abbiamo già difficoltà a capire quanta arte ci sia in bjork o florence, sicuramente rihanna non è da annoverare fra gli artisti, per il semplice fatto che di “creazione” non ha molto. è una brava cantante pop, vocalist di produttori pop che le stanno molto bene dietro proponendole cose a ritmi forsennati: quel poco che co-scrive non è certo da premio oscar per la letteratura, non è molto profonda la ragazza. fatta questa doverosa premessa, il pacchetto “rihanna e produttori” ha dato a mio avviso ottimi risultati in rated r, dove lontani dalle mode del momento proponevano qualcosa di leggero ma interessante, ha dato pessimi risultati in loud, che è un prodotto troppo vario nient’altro che accozzaglia di singoli. questo è una via di mezzo: c’è qualcosa di interessante, ma messo insieme un pò così così. quanto di questo cd verrà ricordato fra un pò di anni?

Rispondi
Sincero 20 Novembre 2011 at 22:42

1)We Found Love
2)You Da One
3)Roc Me Out
4)Where Have You Been
5)Cockiness

Spero che lancino cosi 😉

Rispondi
Sincero 20 Novembre 2011 at 22:26

Ma scusate cosa volete di innovativo?Volete che si metta a cantare Heavy Metal?

Rispondi
Marco Zagaria 20 Novembre 2011 at 21:53

A me le uniche canzoni che mi hanno convinto sono roc me out e talk that talk cn we found love,le altre mi piaciucchiano però boh :S

Rispondi
iLollo 20 Novembre 2011 at 21:40

Cockiness!!!!!!!!!!!!! k figata

Rispondi
Dani 20 Novembre 2011 at 21:18

A parte con la frase su Lady Gaga tra che fa proprio ridere i polli visto che di balbettii ce ne sono solo in 4 canzoni su 17 di btw
comunque: concordo con:
– where have you been che è davvero delle migliori (ps. la produzione è anche di harris avete sbagliato)
-cockiness che è forse tra le migliori dell’album, sporca, potente e fuori dagli schemi, mi è subito piaciuta
-you da one che però non mi ha preso più di tanto

red lipstick è una delle perle speriamo diventi singolo, alcuni artisti lo fanno a rilasciare canzoni dalle deluxe specie a fine era
-talk that talk che è davvero una grower, forse avrebbe dovuto avere qualche percussione in più
disaccordo su
– we all want love davvero bella, il tema sarà scontato ma il modo in cui viene trattato è ottimo, stupenda, mi ha fatto piangere 🙂 forse la migliore
– drunk on love (sample degli XX) bellissima molto meno tirata di complicated rihanna non si sgola molto qua, può farla benissimo live, atmosfera stupenda merito del sample in buona parte
– we found love mi piaciucchia ma il disco è davvero pieno di roba migliore
– roc me out potentissima ma non è superoriginale come dite, più che watch n learn è roc me out che assomiglia a rude boy, l’ho notato subito, ovviamente stupenda più di rude boy però non molto originale
– farewell, troppo già sentita, carina ma da skippare secondo me

Rispondi
Abby 20 Novembre 2011 at 20:46

il disco fa completamente cacare, non si possono leggere ste stronz*te che hai scritto…rileggi e riascolta bene please 🙂

Rispondi
Abby 20 Novembre 2011 at 20:45

il disco fa completamente cacare, non si possono leggere ste stronz*te che hai scritto….. rileggi e riascolta bene please 🙂

Rispondi
Andrea Deidda 20 Novembre 2011 at 20:45

ce da dire che le canzoni non le fa lei ma sono già pronte dai suoi produttori, lei ci canta sopra -.-” comodo così averle già pronte!!!

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 20:58

ha coscritto 6 tracce sai?

Rispondi
Umberto Olivo 20 Novembre 2011 at 21:05

quando ci sono persone tanto ottuse rispondere non serve, tanto o non capiscono o non replicano ulteriormente!

Rispondi
Abby 20 Novembre 2011 at 20:41

il disco fa completamente cacare, non si possono leggere ste stronz*te che hai scritto… rileggi e riascolta bene please 🙂

Rispondi
Commander 20 Novembre 2011 at 19:57

Riguardo a “Musicaccia dance-frociarola” non ho parole.

Rispondi
RATED RrRr 20 Novembre 2011 at 19:51

mi sento l’unico che va al verso opposto ! il cd non è male mi aspettavo di peggio , ma non mi sa di nulla , sono canzoni che a marzo mi avranno gia stancato e quì sbaglia la rihanna perchè farà quasi sicuramente uscire un nuovo cd a ottobre prossimo perchè tutta questa dance stanca troppo facilmente i neuroni …. fortuna che ci sono Farewell , We all want love (che però la trovo già stancante un pochino) , roc me out , red lipstick e fool in love ! contando che 2 di queste sono bonus valuto solo 3 canzoni belle (stupende) nell’album che potrebbero non stancarmi fino a portarmi a usare il disco per tagliarmi per lungo le vene ! brani come WHERE HAVE YOU BEEN io li trovo senza un’anima , è solo musica commerciale senz auno spirito creata con l’unico scopo di vendere . Non di dare (emozioni , suoni … ) ma di ricevere . Poi ci sono cose che ti fanno cadere le braccia come BIRTHDAY CAKE ._. che è la peggiore cosa che il mio udito abbia ingerito in tutta la mia vita (infatti stimo la vostra recensione sul brano XD) … insomma un’album bello per carità , che ha i suoi capolavori e i suoi tormentoni ma che tra 2 anni (a mio parere) non ricorderrà più nessuno .

Rispondi
Rangiku 20 Novembre 2011 at 19:02

“Nel complesso mi sono trovato a mio agio ascoltando questo CD. Mi aspettavo un disco riciclato, frettoloso, giusto per tenere in vita il nome di Rihanna nelle charts”

ma scusa, mi spieghi cosa ha di nuovo questo cd? hai detto tu stesso che è un ibrido tra Loud e Rated R, insomma un prodotto studiato a tavolino per tenere il nome di Rihanna in classifica!
Non si è messa in gioco, non ha provato nulla di diverso, ha cantato solo quello che le hanno messo sul muso dimostrando che di fare musica che la rappresenti gliene frega poco, se domani le dicessero “canta lirica” ci proverebbe pure per far soldi, assolutamente bocciata, svegliati Rihanna le mode non durano per sempre!

Rispondi
CallMe Tommi 20 Novembre 2011 at 18:30

bella recensione (cmq avrei dato al CD 3,5/5)
ho 4 cose da dire:
– AMO alla follia Cockiness (Love It) ed è la mia preferita proprio per la particolarità della produzione!
– concordo sul fatto che questo CD è il figlio di Rated R e Loud
– non penso che Roc Me Out sia il capolavoro del CD la trovo molto simile a Rude Boy e per i miei gusti va troppo sul sicuro, cmq de gustibus…
– mi sarebbe piaciuto Junk leggere una tua opinione su Birthday Cake, tipo se trovi giusto che sia stata tagliata (xk è ovvio che era una song intera tagliata per non so quale motivo), se cmq da quel poco che hai ascoltato ti piace..
Cmq brava Rih bell’album soprettutto perchè alla fine rappresenta la vera Rihanna…la preferisco volgare ma sincera piuttosto che santarella ma finta 😉

Rispondi
Rosario Marrocco 20 Novembre 2011 at 18:20

ma birthday cake perché dura così poco??ma nn è la versione completa del cd????

Rispondi
JoyE 20 Novembre 2011 at 17:19

Musicaccia dance-frociarola? Ma cosa significa! Cosa volevi dimostrare? Veramente senza parole…sei tristissimo!

Rispondi
max 20 Novembre 2011 at 16:43

comunque il beat di Drunk on Love non è affatto simile a Closer, è semplicemente la base di una canzone meravigliosa degli XX, che si chiama Intro.

Rispondi
Alessandro Cutrona 20 Novembre 2011 at 16:30

bella recensione, album molto deciso, forte, imponente, consolida Rihanna, i suoi acuti emanano il strazio; album ottimo uno dei migliori. Complimenti.

Rispondi
andrea 20 Novembre 2011 at 16:00

Mi chiedo perche’ non abbia rilasciato birthday cake completa .. bah

Rispondi
QueenSpears. 20 Novembre 2011 at 15:57

E’ obbiettivamente un disco molto bello. A me personalmente Rihanna ha mai deluso con gli album e se devo dire la verità la trovo un’artista completa che se si impegna al massimo può dare un ottimo spettacolo anche a livello vocale e di spettacolo. Dicevo, Rihanna non mi ha mai deluso perchè fa uscire come singoli le canzoni diciamo più “commerciali” ma i suoi album sono delle vere e proprie perle. SONO DEI DISCHI COMPLETI. Hip Hop, RnB, Dance, e Pop spudorato. Per me è un’artista molto interessante e vederla ovunque non mi dispiace affatto 😉

Rispondi
Matteo Rolleri 20 Novembre 2011 at 15:48

non vedo l’ora di avere l’album tra le mani…so già che lo massacrerò dagli ascolti come ho fatto e faccio tutt’ora con gli altri…recensione molto ben fatta che cmq evidenzia lati positivi e anche alcuni negativi…molto oggettiva complimenti

Rispondi
JoeJonas97 20 Novembre 2011 at 15:47

sono d’accordissimo con tutto ma watch n’ learn secondo me è meravigliosa! anche io mi aspettavo un disco affrettato e riciclato ma invece rihanna non delude mai mi lascia sempre a bocca aperta! roc me out? quoto in pieno sfiora il capolavoro e me ne sono innamorata al primo ascolto i primi 5 secondi! drunk on love è fantastica where have you been forse c’è un po troppa parte musicale e sarebbe stato bello se ci fosse piu parti cantate ma non fa niente si puo perdonare! ;D talk that talk è fantastica! cockiness (i love it) mi ha lasciato un po sconbussolata e….attonita xDDD di certo non puo rilasciarla come singolo primo perchè non la vedo una canzone da radio e ne da video ma solo come album track e poi se la fa uscire fara la stessa fine di S&M cioè che la censureranno ed è inutile fare S&M 2 no? fareweel puo sembrare strano ma è quella che mi piace meno e anche we all want love! le bonus track sono tutte e tre fantastiche!

Rispondi
Umberto Olivo 20 Novembre 2011 at 15:44

quasi quasi me lo compro!!!

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 15:36

a me questo cd è piaciuto, avero paura per We Found Love ma com’è successo con Loud mi sono ritrovata tante belle canzoni che non c’entrano una mazza con la lead singolo(nonostante Only Girl mi piaccia, sicuramente meglio di We Found Love)
però beh ha altre 2 pecche: Birthday Cake e Watch N Learn, però Farewall, We All Want Love, Drunk On Love sono *__*

poi ho visto i credits su wikipedia..e ha coscritto 6 canzoni: You Da One, Birtday Cake, Cockiness e Watch N Learn..Red Lipistick e Do Ya thing

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 15:36

a me questo cd è piaciuto, avero paura per We Found Love ma com’è successo con Loud mi sono ritrovata tante belle canzoni che non c’entrano una mazza con la lead singolo(nonostante Only Girl mi piaccia, sicuramente meglio di We Found Love)
però beh ha altre 2 pecche: Birthday Cake e Watch N Learn, però Farewall, We All Want Love, Drunk On Love sono *__*

poi ho visto i credits su wikipedia..e ha coscritto 6 canzoni: You Da One, Birtday Cake, Cockiness e Watch N Learn..Red Lipistick e Do Ya thing

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 15:36

a me questo cd è piaciuto, avero paura per We Found Love ma com’è successo con Loud mi sono ritrovata tante belle canzoni che non c’entrano una mazza con la lead singolo(nonostante Only Girl mi piaccia, sicuramente meglio di We Found Love)
però beh ha altre 2 pecche: Birthday Cake e Watch N Learn, però Farewall, We All Want Love, Drunk On Love sono *__*

poi ho visto i credits su wikipedia..e ha coscritto 4 canzoni: You Da One, Birtday Cake, Cockiness e Watch N Learn..

Rispondi
pietro2110 20 Novembre 2011 at 15:33

ok, ho sentito tutto l’album per bene e devo dire che ci sono 3 canzoni davvero carine in mezzo alle altre…
che sono: Where have you been, Drunk on love (che, sbagliando, chiamavo “take me away”) e Talk that talk.
Il resto non mi fa impazzire particolarmente…
p.s. non potete mettere la frase “si può capire che Rihanna non è solamente una semplice popstar che segue i trend dance-commerciali del momento.” e poi dire “questa traccia è stata prodotta da dr luke” XD

Rispondi
Enne Driver. 20 Novembre 2011 at 15:32

Partiamo che prima della Britney,Rihanna aveva già ”usato” la dubstep (Rated R vi dice nulla?).

La recensione non è male,apparte un colossale facepalm per l’affermazione ”musicaccia dance-frociarola.” è come se dicssi ”Musicaccia hip hop da negri” nzomma,basta co ste etichette :D.

Rispondi
Enne Driver. 20 Novembre 2011 at 15:32

Partiamo che prima della Britney,Rihanna aveva già ”usato” la dubstep (Rated R vi dice nulla?).

La recensione non è male,apparte un colossale facepalm per l’affermazione ”musicaccia dance-frociarola.” è come se dicssi ”Musicaccia hip hop da negri” nzomma,basta co ste etichette :D.

Rispondi
gianluca 20 Novembre 2011 at 15:55

Partiamo che prima di Rihanna, Britney aveva già ”provato ad usare” la dubstep (Blackout ti dice nulla?) 😉

Rispondi
Alessio Scianna 20 Novembre 2011 at 17:12

MA TRALASCIANDO KI L’ABBIA USATO PRIMA (E CMQ L’HA USATO BRITNEY X PRIMA), NN MI SEMBRA KE RIHANNA ABBIA ESTRATTO SINGOLI DUBSTEP DA RATED R (APPARTE R101 KE PERò NN HA RISCOSSO SUCCESSO), MENTRE BRITNEY CON HIAM LO HA FATTO, HA ESTRATTO UN SINGOLO CON DEL DUBSTEP, LA PRIMA ARTISTA POP A FARLO! 😉

Rispondi
gianluca 20 Novembre 2011 at 17:22

e dopo hold it against me ha rilasciato il remix di till the world ends che ha anch’esso un break dubstep (e il remix è non è sconosciuto perchè ha contribuito al successo del singolo)

Rispondi
Enne Driver. 21 Novembre 2011 at 00:04

Se lallero,Partiamo dal fatto che solo il BRIDGE è dubstep,il resto è dance quindi io non sarei così sicuro nel dire che britney ha lanciato un singolo dubstep dato che appunto solo il bridge riprende quelle sonorità (Detto questo,ottimo bridge). Ci sono artisti che riescono VERAMENTE a mischiare pop e dubstep e non solo in bridge o cazzi vari. La signorina Katy B ti dice niente?

Rispondi
luca 20 Novembre 2011 at 20:06

Blackout contiene elementi dubstep (2007)
Rated R contiene elementi dubstep (2009)
Devo anche commentare? Nessuno nega i meriti di Riri, però per quanto riguarda il dubstep l’ha introdotto la Spears e reso mainstream sempre la Spears (Hold It Against Me e Till The World Ends REMIX rispettivamente alla 1 e alla 3 della Billboard)

Rispondi
Gianluca 20 Novembre 2011 at 20:53

scusate okay è vero britney l’ha usato prima e qui nessuno lo nega…! ma comunque anche WYT è stata estratta come promo single ed era puramente dubstep!..Wait your turn e G4L sono molto più dubstep di tutto femme fatale messo insieme , comunque.

Rispondi
Sunny Pydugadu Spearsilerayonce 20 Novembre 2011 at 15:20

abbastanza d’accordo… voto x where have you been!

Rispondi
womanizer93 20 Novembre 2011 at 15:20

avrei dato un 3 su 5 secondo me non ha niente di nuovo apparte 2/3 tracce, è sempre la stessa cosa che abbiamo sentito in oassato questo è quello che si fa quando fai un album ogni anno

Rispondi
Sunny Pydugadu Spearsilerayonce 20 Novembre 2011 at 15:20

abbastanza d’accordo… voto x where have you been!

Rispondi
Markino86 20 Novembre 2011 at 15:02

Il cd nn mi dispiace…le due canzoni capolavoro secondo me sono Where Have You Been e We Found Love….la seconda è qualcosa di strepitoso…impossibile nn balllarla!!!!!!!!
Non condivido con Junk il fatto ke sia Roc Me Out il capolavoro…anche xk mi pare un copia-incolla di Rude Boy….o almeno me la ricorda molto…
Cmq in linea generale condivido con la recensione!!!

Rispondi
ale 96 20 Novembre 2011 at 15:02

Bella recensione, bravo junkie!

Rispondi
Francesco Camporati 20 Novembre 2011 at 15:01

TALK THAT TALK <3
Bella recensione, concordo completamente con ROC ME OUT! La migliore dell'album e forse della sua carriera!
Comunque Where Have You Been è stata prodotta anche da Calvin Harris! Magnifica <3

Rispondi
gianluca 20 Novembre 2011 at 14:58

“che già dal primo ascolto risulta più rischioso, variegato, e futuristico”
ok, dopo aver letto sta cavolata non ho neanche proseguito, xkè se questa doveva essere la premessa, nn immagino cosa ne verrebbe fuori dopo.
niente contro il disco, che anzi, a me piace molto, ci sono canzoni come talk that talk, red lipstick, rock me out, where have you been che sono davvero molto belle! ma non è per niente rischioso (dacchè album electro-pop dubstep, cioè guarda caso il genere che ora sta prendendo sempre più piede, nè tantomeno futuristico, appunto xkè c’è normale dance e brani elettronici, che per carità sono prodotti da dio, non ne discuto).
se proprio vogliamo il rischio lo troviamo solo in cockiness, nient’altro.

Rispondi
Alessio Scianna 20 Novembre 2011 at 14:50

A ME IL CD è PIACIUTO MOLTO, PERò AVREI DATO 3.5, XK CI SONO PRODUZIONI SENZA TROPPO SPESSORE NEI BEAT.. COME PROSSIMI SINGOLI SAREBBERO PERFETTI talk that talk, roc me out, where have you been E X FINIRE drunk on love !! 🙂

Rispondi
giorgio 20 Novembre 2011 at 14:46

Ma dai vorreste dire che questo è un album innovativo???? sempre + patetici! dire che le tracce siano potenti è un conto, lo dico anche io ci sono dei pezzi belli..ma venirmi a dire che è innovativo tanto da meritarsi 4 stelle è assurdo..poi femme fatale era una cagata? anche li ci sono pezzoni e super produzioni..ma effettivamente forse rihanna merita 4 stelle xkè cmq da lei non ci si aspetta mai qualcosa che rivoluzioni xkè è anche INARRESTABILE ma di sicuro NON è una TREND SETTER!

Rispondi
Alessio Scianna 20 Novembre 2011 at 14:54

APPUNTO! A FEMME FATALE HANNO DATO 2 STELLE, QUANDO NE MERITAVA ANKE 5, XKE LE PRODUZIONI SONO PERFETTE, IL DISCO AVEVA L’INTENZIONE D FARE BALLARE.. E C’è RIUSCITO, POI LE INNOVAZIONI C SONO (HOW I ROLL), I BRANI PARTICOLARI E NEL PERFETTO STILE BRITNEY CI SONO PURE (GASOLINE,CRIMINAL) E POI HA PORTATO IL DUBSTEP NEL POP COMMERCIALE, KE ANKE RIHANNA IN QUESTO CD HA USATO.

Rispondi
lucax88 20 Novembre 2011 at 14:59

MI SPIEGATE COSA HA DI INNOVATIVO FEMME FATALE? CHE è UNA ACCOZZAGLIA DI PEZZI RICICLATI DA BLACKOUT E FA CIRCUS? SOLO HOLD IT AGINST ME è LEGERMENTE INNOVATIVO PER IL FATTO CHE HA INFLUENZE DUBSTEP MA BASTA!!

Rispondi
Alessio Scianna 20 Novembre 2011 at 15:03

SI VEDE KE NN L’HAI ASCOLTATO.. E PARLI SENZA SAPERE LE COSE

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 15:22

In The Zone che è più vecchio di 8 anni è più innovativo di FF, in confronto il primo sembra essere ”alieno” dalla magnificenza della produzione..lo stesso vale per Blackout
FF è un passo indietro se si ascoltano quei 2 cd..daai non ha nè una Toxic, una Brathe On me, nè una Gimme More o Heaven on Earth
vorresti dire che I Wanna Go, Till The World Ends, Seal It With a Kiss sono più innovative di quelle 4 che ho citato???
l’unica innovativa è How I Roll e beh il tanto acclamato dubstep di Hold It Against Me…
si meritava quel voto..poi può piacere o meno..ma è impensabile dire che FF è innovativo dopo aver ascoltato In The Zone e Blackout..quei 2 dischi lo sono molto ma molto di più e sono anche vecchi, specie il primo

Rispondi
Swiftie 20 Novembre 2011 at 15:23

In The Zone che è più vecchio di 8 anni è più innovativo di FF, in confronto il primo sembra essere ”alieno” dalla magnificenza della produzione..lo stesso vale per Blackout
FF è un passo indietro se si ascoltano quei 2 cd..daai non ha nè una Toxic, una Brathe On me, nè una Gimme More o Heaven on Earth
vorresti dire che I Wanna Go, Till The World Ends, Seal It With a Kiss sono più innovative di quelle 4 che ho citato???
l’unica innovativa è How I Roll e beh il tanto acclamato dubstep di Hold It Against Me…
si meritava quel voto..poi può piacere o meno..ma è impensabile dire che FF è innovativo dopo aver ascoltato In The Zone e Blackout..quei 2 dischi lo sono molto ma molto di più e sono anche vecchi, specie il primo

Rispondi
Alessio Scianna 20 Novembre 2011 at 17:16

IO HO SOLO DETTO KE HOW I ROLL è INNOVATIVA, E BASTA! NN HO DETTO KE è IL CD INNOVATIVO, MA COME CD POP, è IL MIGLIORE USCITO QUEST’ANNO (ASSIEME A BTW), ED è ANKE UNO DEI MIGLIORI DI SEMPRE, XK COME CAPITA SPESSO, I CD POP HANNO LE SUPER HITS E POI TANTI TAPPABUCHI, MENTRE FF è SOLIDO, ED OGNI CANZONE è COMPLETA (KE NN SI POTEVA MIGLIORARE ULTERIORMENTE) è CURATA NEI MINIMI DETTAGLI, QUINDI NELL’AMBITO POP (XKE BRITNEY è POP), FF è UNO DEI MIGLIORI CD DI SEMPRE, ASSIEME A TUTTI GLI ALTRI CD DELLA SPEARS APPARTE IL PRIMO 😀

Rispondi
B side 20 Novembre 2011 at 14:36

inizialmente il disco non mi era piaciuto molto, poi ascolto dopo ascolto mi è piaciuto sempre di più ma non è di certo un capolavoro, gli avrei dato 3/5….cmq la mia preferita è Drunk On love
ps: recensione bellissima? xD bah

Rispondi
AlexanderPrjct 20 Novembre 2011 at 14:31

ottima recensione..anche se drunk of love a me piace tanto 🙂

Rispondi
Commander 20 Novembre 2011 at 14:31

Premetto che ho letto la recensione ma non ho ancora ascoltato l’album, voglio comprarlo e godermelo.
Qualcuno mi spiega perchè “Birthday Cake” non ha una recensione??
E sapete dirmi quando esce il disco in Italia??

Rispondi
Nicolò Carini 20 Novembre 2011 at 14:29

Non riesco a farmelo piacere proprio come cd..

Rispondi
Orazio Chianese 20 Novembre 2011 at 14:25

Condivido pienamente 🙂

Rispondi
Alex 20 Novembre 2011 at 14:03

la mia preferita è roc me out che è un capolavoro ! poi we found love you da one e where have you been
le altre (apparte talk that talk) sinceramente mi sembrano un pò anonime…

Rispondi
jole 20 Novembre 2011 at 13:41

ottima recensione..sono super d’accordo con te …ottimo lavoro 😀

Rispondi
Invisible94 20 Novembre 2011 at 13:37

Condivido quasi tutto, bella recensione

Rispondi
fans 20 Novembre 2011 at 13:32

Sono totalmente d’accordo con la recenzione 🙂 complimenti ottimo lavoro !!!

Rispondi
fans 20 Novembre 2011 at 13:31

Sono totalmente d’accordo con la recenzione 🙂 complimenti ottimo lavoro !!!

Rispondi
fans 20 Novembre 2011 at 13:30

Sono totalmente d’accordo con la recenzione 🙂 complimenti ottimo lavoro !!!

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.