Sanremo 2020: pagelle della serata finale. Vince Diodato

sanremo x

Nuovo record per il Festival di Sanremo targato Amadeus e Fiorello: la serata finale è stata vista in media da 11 milioni 476mila spettatori pari al 60.06% di share.

L’anno scorso l’ultima serata del festival aveva raccolto in media 10 milioni 622mila telespettatori pari al 56.5%. È il miglior risultato dal 2002, quando l’edizione condotta da Pippo Baudo ottenne il il 62.66%.

È stata senza ombra di dubbio l’edizione dei record. Fiorello: “Ci hanno chiesto di fare il bis”. Il monologo di Tiziano Ferro: “Nessuno è sbagliato”. Biagio Antonacci tra gli ospiti e Sabrina Salerno con i “Boys” sul palco. A questo punto un Amadeus bis sembra inevitabile.

Ecco le pagelle della serata finale:

Rnbjunk Musica é stato selezionato dal nuovo servizio Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

6 Michele Zarrillo – “Nell’estasi o nel fango”: canzone molto moderna e attuale. A lui non mancano né voce né classe ma è un brano senza guizzi. Avrebbe potuto osare un po’ di più.

7.5 Elodie – “Andromeda”: ormai è padrona di quel palco e ha l’autorevolezza di una veterana. Il suo stile ha messo d’accordo tutte le giurie. Si sente il tocco raffinato di Dardust.

5 Enrico Nigiotti – “Baciamo adesso”: si diverte e si vede ma non basta. Speriamo che la prossima volta sul palco dell’Ariston porti un pezzo più energico.

7 Irene Grandi – “Finalmente io”: grande energia e presenza scenica. Meriterebbe più successo la canzone.

6 Alberto Urso – “Il sole ad est”: la buona volontà ce la mette tutta, ma la canzone è davvero difficile da digerire.

8.5 Diodato – “Fai rumore”: uno dei migliori cantautori italiani delle ultime generazioni. La canzone è perfetta, lui altrettanto e non commette sbavature. Merita di essere in testa a tutte le classifiche.

6.5 Marco Masini – “Il confronto”: la maturità pop di Masini, tradotta in un pezzo che non tradisce il suo stile classico ma allo stesso tempo è il frutto della sua crescita.

7 Piero Pelù – “Gigante”: stasera è davvero tanta roba, molto di più di quello visto lungo tutta questa settimana. Questa esibizione rock può essere da podio.

8 Levante – “Tikibombom”: brava, elegante, impegnata e intelligente. Levante è una grande artista e questo brano ne è la prova.

8 Pinguini Tattici Nucleari – “Ringo Starr”: la loro energia è contagiosa tanto che fanno alzare in piedi tutto il pubblico. Viene voglia di ballare ogni volta che si ascolta questa canzone.

10 Achille Lauro – “Me ne frego”: è avanti anni luce rispetto a tutti. La performance è la migliore di tutte le serate. Arte, sentimento, ribellione, eccesso, amore, teatro, musica e rock. E pensare che qualcuno in platea ancora lo fischia.

7 Junior Cally – “No grazie”: dimentichiamo le polemiche inutili e diciamo che il brano ha un testo intelligente. La collaborazione tra lui e l’orchestra è perfetta.

6.5 Raphael Gualazzi – “Carioca”: divertente, colorato, latino e italiano al tempo stesso. Sempre bravo.

8.5 Tosca – “Ho amato tutto”: in tanti si erano dimenticati del fatto che Tosca è una delle più grandi cantanti italiane. E il Festival 2020 ha anche questo merito, quello di averlo ricordato a tutti.

7.5 Francesco Gabbani – “Viceversa”: neanche è apparso che già lo applaudono. Il motivo è che sfodera sempre pezzi che fanno pensare. Un ritornello bomba che rimane in testa. E il pubblico lo acclama.

6 Rita Pavone – “Niente (Resilienza 74)”: onore al merito e al coraggio di aver rischiato una canzone per nulla immediata e facile da eseguire. Alla fine se la cava.

7 Le Vibrazioni – “Dov’è”: il loro stile è ormai inconfondibile. Sono bravissimi. Proporre la canzone nella lingua dei segni dà quel tocco di classe in più che forse mancava.

8 Anastasio – “Rosso di rabbia”: energia, rabbia per un testo profondo che forse meriterebbe una posizione diversa in classifica.

5 Riki – “Lo sappiamo entrambi”: ce la mette tutta anche se il testo è banale e sa di già sentito. Non ci siamo.

7 Giordana Angi – “Come mia madre”: ora devo trovare una motivazione che mi aiuti a comprendere perché un brano così intenso ed emotivo si trovi nelle retrovie della classifica. Lei è molto brava e interpreta la canzone perfettamente.

6 Paolo Jannacci – “Voglio parlarti adesso”: brano importante con un bel messaggio ma forse sul palco dell’Ariston perde un po’ di significato. Sufficiente.

5.5 Elettra Lamborghini – “Musica (e il resto scompare)”: apprezzo il coraggio ma al suo posto potrebbe esserci qualcuno che nella vita ha ambizioni artistiche serie e ben più importanti. Di sicuro vince per il twerking e per il ritornello che ti rimane in testa.

8 Rancore – “Eden”: talento e teatralità. Il brano ha un ottimo contenuto. Di sicuro non una semplice esibizione, ma una performance live che strappa molti consensi all’Ariston e sicuramente in giuria.

Potrebbe anche interessarti

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici Sui Social

Ultime Notizie

Sostienici! Metticii tra i tuoi favoriti su google news