Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Arisa – Guardando il cielo | Video Premiere

0 9

 

Schermata-2016-02-10-alle-09.33.54-1170x550

Arisa ha dimostrato, nel corso della sua carriera, di essere molto affezionata al “Festival della Canzone Italiana”, collezionando in pochi anni numerose presenze sul palco dell’Ariston.

Tutto ha inizio nel 2009 quando, con il brano “Sincerità”, vince la categoria Giovani e il premo della critica “Mia Martini”; torna a gareggiare nel 2010 con il brano “Malamorenò”, nel 2012, con “La notte” e nel 2014 con “Controvento”, che l’ha vista, per la prima volta, vincitrice nella categoria dei Big. Nel 2015 mette da parte le vesti della cantante per tornare sul palco dell’Ariston come presentatrice, affiancando, insieme alla collega Emma Marrone, il padrone di casa Carlo Conti. Quest’anno il padrone di casa rimane lo stesso, mentre Arisa torna sul palco a rivestire il ruolo che negli ultimi l’ha fatto conoscere al grande pubblico: quello della cantante.

Secondo le ultime interviste rilasciate, l’artista non vedrebbe l’ora di salire sul palcoscenico. Una nuova vittoria le consentirebbe di entrare così di diritto all’Eurovision Song Contest, come rappresentante dell’Italia. Sarebbe un bel colpo che la porterebbe ad acquistare popolarità all’estero e a lanciarla artisticamente anche fuori dai nostri confini.

Quest’anno tenterà la rincorsa al podio con il brano “Guardando il cielo”, un pezzo scritto per lei dal suo autore storico, nonché suo ex fidanzato, Giuseppe Anastasi. Il brano, secondo le indiscrezioni, è un’intensa ballad in cui viene trattata la spiritualità ed il rapporto con Dio.

Riuscirà a bissare il successo ottenuto nel 2014? La concorrenza è ben agguerrita: dalle due rosse “Noemi ” e “Annalisa”, ai favoriti dai bookmakers, Giovanni Caccamo con Deborah Iurato, ai giovanissimi Lorenzo Fragola e Francesca Michielin, fino agli stravaganti “Elio e le storie tese”.

Non resta che aspettare il 9 febbraio, giorno in cui Carlo Conti darà inizio alla Kermesse di musica italiana più attesa di tutto l’anno.


 

Ecco il video del brano, ambientato a Londra. Svolta più intimista e spirituale per l’artista, che conserva comunque, l’ orecchiabilità che ha sempre contraddistinto le sue canzoni. Il brano ci piace, lo abbiamo promosso.

Testo

Se tu mi chiedi cosa faccio in questa vita amico mio
La sola cosa che so dirti è non lo so nemmeno io
Viviamo tempi troppo austeri
Siamo animali di città
Eppure sai che ogni notte prima di dormire io
Che ho preso tutto da mia nonna faccio una preghiera a Dio
Potrà sembrarti rituale però a me dà serenità
Con la certezza che ci sia
Una realtà che va al di là di questa comprensione mia
Potrai chiamarla anche magia
Per me adesso si chiama universo
Stringo i pugni e rido ancora che la vita è questa sola
Se un giorno un’altra vita arriverà
Mi sono già promessa di non viverla in città e quindi
Di ogni giorno prendo il buono
Tanto a cosa serve a un uomo
Svegliarsi e dire che oggi non andrà
È troppo presuntuosa la previsione di una verità
Se tu mi chiedi cosa faccio in questa vita amico mio
La sola cosa che so dirti è non lo so nemmeno io
Viviamo tempi troppo austeri in queste stupide città
Ma ho la certezza che ci sia
Una realtà che va al di là di questa comprensione mia
Potrai chiamarla anche utopia
Per me adesso è solo universo
Stringo i pugni e rido ancora
Che la vita è questa sola
Se un giorno un’altra vita arriverà
Mi sono già promessa di non viverla in città
Di ogni giorno prendo il buono
Tanto a cosa serve a un uomo
Svegliarsi e dire che oggi non andrà
È troppo presuntuosa la previsione di una verità
Di una verità
Di una verità
Di una verità

Get real time updates directly on you device, subscribe now.