Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Scandalo Taylor Swift. Vuole fregare le classifiche regalando copie digitali?

 

Da giorni non si parla d’altro dei grandi numeri che Taylor Swift farà quasi sicuramente con la pubblicazione del disco Reputation. 400.000 pre-ordini (QUI per approfondire), previsioni che si aggirano ad oltre 2 milioni di copie nella prima settimana (ve ne abbiamo parlato QUI)

…ma questi numeri saranno raggiunti al 100% onestamente? Sembra proprio di no…

Quella che qualche ora fa sembrava una notizia infondata, pian piano è stata confermata da svariate testate statunitensi e dagli stessi fans di Taylor Swift, che, passandosi parola tra loro, stanno aiutando l’entourage della popstar a riuscire nel proprio intento, quello di aumentare in ogni modo il numero delle vendite di Reputation. 

“Come se ce ne fosse bisogno”, penserete voi. E questo è proprio quello che ci siamo detti anche noi non appena abbiamo letto quanto segue:

Chi ordinerà una copia fisica di Reputation tramite UPS riceverà altre TRE copie digitali dell’album, il cui download (direttamente dal sito ufficiale di taylor) può essere regalato ad amici o parenti, finendo così per risultare scaricamento effettivo per quanto riguarderà poi il numero delle vendite!

Sono gli stessi fanclub della cantante che pubblicizzano l’offerta, consci del fatto che ogni copia in più potrebbe avvicinare la loro beniamina ad eventuali record, ad aiutare questa furba mossa…alla faccia dell’onesta. 

 

A noi queste trovate fanno a dir poca tristezza, specie perché, ripetiamo, stiamo parlando di un progetto che i suoi milioni di copie li venderà in ogni caso, senza il bisogno di viscidi trucchetti per racimolarne qualche migliaio in più. Ci inchiniamo d’innanzi a chi sta dietro questo personaggio, menti focalizzate a portare a termine il loro scopo, senza guardare in faccia nessuno.

Ricordiamo poi qualche mese fa, quando (anche in questa pagina) molti swifties erano stati i primi a deridere e puntare il dito contro Katy Perry, “colpevole” di aver regalato UNA copia di Witness a chi acquistava un biglietto del concerto (in confronto cosa decisamente più ragionevole). Come la mettiamo ora?

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!