Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Selena Gomez parla di musica, depressione, millennials e molto altro

Intervista a tutto tondo quella rilasciata da Selena Gomez a Harper’s Baazar, completa di servizio fotografico

Protagonista del nuovo numero di Harper’s Baazar, Selena Gomez si racconta a cuore aperto. L’intervista completa, di cui ora riporteremo i passaggi principali, sarà in edicola nel numero di marzo, in uscita il 20/2.

Molto particolare la scelta della rivista, che ha scelto di improvvisare Katherine Langford in qualità di intervistatrice. La Langford deve molto a Selena, visto che ha raggiunto la fama grazie a Tredici (13 Reasons Why), serie Netflix di cui la Gomez è produttrice esecutiva.

KL: Sei diventata famosa giovanissima. C’è niente che senti di esserti persa? 

SG: Penso di aver speso anche troppo tempo a pensare come sarebbe potuta essere la mia vita, quindi ora mi sento semplicemente grata per com’è. Non ho mai voluto essere quel tipo di persona che – Oh, avrei voluto avere una vita diversa -…Sono arrivata ad un punto in cui conosco il valore della mia privacy, so come funziona il sistema e una volta che ho accettato quella parte sono diventata un po’ più coraggiosa. Lo vedo come un piccolo prezzo da pagare per poter avere la vita che ho ora.

KL: I millennials vengono accusati di essere viziati e privi di direzione. Pensi che abbiamo dei cattivi esempi? 

SG: Penso che i millennials siano ben più intelligenti di quanto pensiamo. Siamo più attenti di quello che facciamo vedere, e più esposti a tutto quello che succede nel mondo, semplicemente per il fatto di essere cresciuti nel web, il che è una cosa un po’ spaventosa da pensare.

KL: Chi è il tuo più grande modello femminile? 

SG: Maryl Streep è sempre stata uno dei miei idoli per la sua eleganza e abilità di essere sempre leale con sé stessa, interpretando tutti quei personaggi complessi. Amo come si pone. Penso lo stesso di Grace VanderWaal, che ha 14 anni. Ero ai Billboard Woman in Music Awards l’anno scorso, con tutte queste donne incredibili, ma lei era semplicemente radiosa. Ha una tale conoscenza e saggezza verso sé stessa che vorrei avere anche io. Ah, e adoro Amal Clooney. So che sembra strano, ma ho letto molte cose su di lei. E’ incredibile, il modo in cui parla e quello per cui combatte.

KL: Pensi che il 2018 sarà un anno migliore di quello che è stato il 2017? 

SG: Dirò sì perché credo sarà così per quanto riguarda me stessa. E tutti quelli che mi conoscono sanno che penso prima di tutto alla mia salute. Ho avuto molti problemi di ansia e depressione, cose che ho sempre dichiarato apertamente, ma è qualcosa che non penso che riuscirò mai a superare. Non ci sarà un giorno che dirò – Eccomi in un bel vestito, ho vinto – Penso sia una battaglia con la quale mi confronterò per il resto della mia vita, e mi va bene perché so che sto scegliendo me stessa prima di ogni cosa. Sto iniziando l’anno con questo pensiero. Voglio essere sicura di essere sana. Se questo sarà così, tutto il resto troverà il suo posto di conseguenza. Non voglio darmi degli obiettivi perché non voglio essere delusa se non li raggiungo, ma voglio lavorare alla mia musica. Il mio prossimo album è in lavorazione ormai da tempo. Quando la gente mi chiede perché sono onesta nel rispondere che è perché non ero pronta. Voglio dire, chiaro e tondo, non mi sento ancora abbastanza convinta della mia musica. Se ci vorranno 10 anni, che 10 anni siano. Non mi importa. Ora come ora voglio solo essere super sicura di tutte le cose che sto facendo.

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!