Rnbjunk Musica – Ultime notizie e gossip di musica
Home » Latina » Selena: un suo ologramma in tour per i venti anni dalla sua morte?
Latina Notizie

Selena: un suo ologramma in tour per i venti anni dalla sua morte?

179754 selena quintanilla selenaa

Che ai discografici piaccia far ritornare in qualche modo in vita gli artisti defunti divenuti leggenda non è una novità. Quanti album postumi sono stati pubblicati per nomi come Elvis, Micheal Jackson o Amy Winehouse? E quanti progetti, più in generale, sono stati ideati per “onorare” personalità come Freddy Mercury o Jonh Lennon?

Nessuno può tenere il conto di questi atti compiuti (ufficialmente) per tributare grandi artisti che non ci sono più, tuttavia per la celebre star latina Selena potrebbe avvenire qualcosa mai visto prima….179754-selena-quintanilla-selenaa

Prorompente concentrato di bellezza e talento, Selena era una cantante statunitense di origine latina che decise di avviare la sua carriera facendo leva proprio sulla sua latinità. La sua fu una carriera molto breve ma costellata di incredibili successi, i quali la trasformarono già prima della sua morte in una delle popstar “hispaniche” di maggior successo della storia.

Purtroppo, la fama che l’aveva innalzata già da giovanissima le si ritorse contro e, a soli 23 anni, il 31 marzo del 1995 l’artista fu uccisa dal presidente del suo fan club, il quale le sparò a bruciapelo in albergo.

Attimi strazianti furono quelli che seguirono questa tremenda vicenda: il funerale fu seguito da moltissime persone e il mondo intero pianse allungo la morte di una grandissima interprete, ma soprattutto di una ragazza giovanissima che aveva ancora tutta la vita davanti a sé.

Ora, per ricordare l’interprete a 20 anni dal suo decesso, sulla sua pagina facebook è apparso l’annuncio di un progetto decisamente ambizioso: riportarla in vita sotto forma di ologramma per un intero tour mondiale!

Il nome del progetto sarà “Selena The One” e oltre al tour dovrebbero essere rilasciati alcuni inediti, sia canzoni che video, il tutto per una serie di spettacoli decisamente extra-ordinari che dovrebbero venire messi in atto nel 2018, ossia fra tre anni.

Personalmente, sono sempre stato contro qualunque progetto postumo, anche in caso si tratti di un semplice singolo, dunque vi lascio immaginare cosa penso di tutto ciò. Voi siete pro o contro una simile iniziativa?

Credete sia giusto “riportare in vita” in questo modo un artista o che bisognerebbe lasciare che egli/ella continui ad esistere solo nei nostri ricordi?

7 commenti

Nina 5 Marzo 2019 at 12:45

Uccisa dallA presidente del suo fan club, l’assassino è di sesso femminile, si chiama Yolanda Saldívar. era la responsabile del fanclub di Selena e manager dei negozi di abbigliamento con il suo nome: nel 1995 la famiglia Quintanilla scoprì che aveva dirottato dei fondi da queste attività, e questa scoperta portò alla decisione di licenziarla. Poco tempo dopo, Selena si accordò con la Saldívar per un incontro in un motel Days Inn a Corpus Christi, in Texas, la mattina del 31 marzo 1995, per ritirare dei documenti necessari per verificare i bilanci finanziari. Nel motel, Selena domandò i documenti mancanti, ma la Saldívar ritardò la consegna dichiarando di essere stata violentata in Messico. La cantante portò la Saldívar in un vicino ospedale, dove i dottori non rilevarono tracce di violenza. Saldívar tornò al motel, dove Selena chiese ancora le carte mancanti. Ne derivò un violento litigio, fino a che la Saldívar estrasse una pistola dalla borsetta, puntandola prima alla propria testa e poi verso Selena. Quando la cantante si girò per lasciare la stanza, la Saldívar le sparò una volta alla schiena. Selena fuggì verso l’atrio del motel in cerca di aiuto, inseguita dalla Saldívar. Prima di crollare, Selena fece il nome della sua assalitrice e rivelò il numero della camera dove era stata colpita. Dopo l’arrivo della polizia e di un’ambulanza, Selena fu trasportata all’ospedale, dove morì per dissanguamento.

Rispondi
like a prayer01 10 Aprile 2015 at 19:04

Sono felice che ci sia del materiale inedito…spesso comunque odio questi progetti perché sono fatti solo per guadagnare un po’ di soldi sul nome dell’artista…andrebbero lasciati in pace dopo la morte

Rispondi
Cristian 10 Aprile 2015 at 17:07

Curiosa come idea, ma il materiale inedito è quello che attendo di più.

Rispondi
DREW. 10 Aprile 2015 at 15:05

Uccisa dal president del suo fan club.. sembra una barzelletta. La mentalità umana, chi cavolo la capisce

Rispondi
Umberto Olivo 10 Aprile 2015 at 15:45

in realtà, era stata licenziata e per vendetta, dopo aver organizzato con una scusa un incontro con la cantante, la uccise

Rispondi
My_Everything96 10 Aprile 2015 at 14:42

Io sono dell’idea che quando un cantante è morto dovrebbero lasciarlo in pace, ma le case discografiche guadagnano su ciò peccato…
La cosa positiva è che ci sarà del materiale inedito.

Rispondi
PrismaticPit 10 Aprile 2015 at 18:34

D’accordossimo

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.