Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Taylor Swift: prime previsioni di vendita USA e UK per “Shake it off”

0 113

C’è molta attesa per vedere fin dove si riuscirà a spingere nelle vendite il nuovo singolo di Taylor Swift intitolato “Shake it off“. Tra ieri e oggi sono arrivate le prime previsioni di vendita negli USA e in UK.

Per quanto riguarda gli USA, “Shake it off” sembra destinato a debuttare con 425-450 downloads. Un risultato sicuramente molto alto (il debutto migliore dell’anno è “Problem” di Ariana Grande a 438.000 downloads) ma nettamente inferiore al mega-debutto di “We are never ever getting back together” che partì con 623.000 downloads. Il debutto di “Shake it Off” inoltre, a differenza del primo singolo della Red Era, beneficia fin da subito del video su Youtube e di una performance, quella che svolgerà Taylor domenica sera ai  VMA. Proprio questa esibizione rende la previsione un po’ meno affidabile in quanto è impossibile dire con esattezza che effetto possa avere nelle vendite.

TAYLOR SWIFT

 

 

Per quanto riguarda il mercato UK, Taylor Swift, a differenza della maggior parte degli artisti, ha pubblicato la canzone immediatamente e ciò potrebbe compromettere il debutto in vetta. Stando alla classifica basata sui primi 3 giorni di vendita  “Shake it off” è alla 6 in quanto il singolo è stato pubblicato lunedì notte, ciò è alla fine del secondo giorno di vendite della settimana  (le vendite in Uk vengono calcolate dalla domenica al sabato). A fine settimana il brano dovrebbe trovarsi alla 1 o alla 2. La sfida è con “Lovers on the sun” di David Guetta. Per ora su iTunes UK, Taylor è prima ma,  anche dovesse rimanerci, non è sicuro che ciò basterebbe per ottenere una nuova No.1.

Intanto monta la polemica sul cambio di genere, dal country al pop, effettuato dalla cantante e ‘certificato’ persino da iTunes che  cataloga “1989” come album pop. Personalmente, dopo essere rimasto prudente inizialmente, ritengo che il vero ‘problema’ non sia il singolo “Shake it off”. La scelta di un singolo pop che non abbia nulla di country era quasi ovvia e ci può anche stare la volontà  di cambiare nel corso della carriera. La vera questione, ed è questa che sancirà i giudizi sul progetto “1989”, sarà capire quanto Taylor Swift sarà stata condizionata da Max Martin. Già in “Shake it off” c’è poco che renda il brano adatto a Taylor e non a qualsiasi altra pop-star. Il rischio che quindi corre Taylor Swift è quello di omologarsi allo stile di Max Martin (che ha prodotto la maggior parte del suo nuovo album)e di assomigliarsi sempre di più ad una Katy Perry (nulla contro di lei, ma è utile citarla perchè il 90% delle sue hits hanno la firma di Martin). A prescindere dalle etichette di genere (country, pop….) quello che conta è lo stile personale della Swift che è stato fin da subito una componente fondamentale del suo successo. Taylor sarà capace di mantenerlo o Max Martin e Shellback avranno fatto quello che volevano con il suo album? In definitiva, c’è da sperare  che “Shake it off ” sia solamente il singolo forte per scalare le charts (come “We are never ever getting back together”) e non il vero simbolo dell’album.

Secondo voi l’album rispecchierà “Shake it off”?

Get real time updates directly on you device, subscribe now.