Rnbjunk Musica – Ultime notizie e gossip di musica
Home » Canzoni » Willow Smith rilascia a sorpresa il suo album di debutto
Canzoni Notizie

Willow Smith rilascia a sorpresa il suo album di debutto

Dopo anni dal grande successo ottenuto con la sua unica hit “Whip my Hair”, Willow Smith quest’oggi ha sorpreso tutti rilasciando finalmente il suo album di debutto. La figlia minore del celeberrimo rapper ed attore Will Smith è entrata a far parte giovanissima del mondo della musica grazie sia al “potere” di suo padre che al suo innegabile e precoce talento, due doti che sono state essenziali affinché Jay Z si accorgesse di lei e la mettesse sotto contratto.

Il successo di “Whip My Hair”, come ricorderete, fu così grande da creare un caso mediatico enorme ma, come spesso accade, dopo il boom del suo personaggio Willow non riuscì più a piazzare alcun successo in classifica, segno di come il pubblico avesse compreso che forse non era proprio la cosa più normale al mondo che una bambina di 10 anni diventasse una popstar.Willow-Smith-021_zpse54439b0

Da allora, tutto è cambiato per l’ormai adolescente Willow, ed il suo scopo non è più quello di essere la nuova Rihanna o la nuova Lady Gaga, come si dipingeva all’epoca. Oggi Willow non si occupa più di pop e di smash hit urban, ma porta avanti un genere più alternativo, poco commerciale, con lo scopo di creare arte senza pensare né alla fama né al guadagno.

Del resto, con tutti i soldi che suo padre ha guadagnato nella sua carriera, la ragazzina potrebbe tranquillamente campare di rendita a vita, dunque è comprensibile che in una simile passione lei voglia pensare solo alla sua passione. Il frutto di tutto ciò è l’album “Ardhipitecus”, disco che la cantante ha pubblicato proprio in queste ore senza annunciarlo in alcun modo.

Oltre a rendere l’album disponibile nei vari stores e servizi streaming (per ora nei soli States, ma presto anche nel resto del mondo), la ragazza ha anche caricato quello che sembrerebbe essere il primo singolo su You Tube:

Che dire, chi non muore si rivede! Seguirete Willow in questa sua nuova avventura?

7 commenti

Mauro Ferrara 21 Dicembre 2015 at 16:05

Sono entrati in loop per questo album! dovreste pubblicare una recensione, e’ un lavoro magistrale. Se pensate che 14 testi su 15 sono scritti da lei e che 10 pezzi sono completamente prodotti da lei… WOW.. altro che figlio di. Indubbiamente HA talento perche’ e’ cresciuta in un contesto NON normale, mi sembra ovvio.. comunque ascoltate l’album.. e’ super coninvolgente.. credo le prime 2 tracce siano posizionate male. Dovevano essere le ultime 2, un po respingenti musicalmente.

Rispondi
digital distorsion 11 Dicembre 2015 at 23:06

Davvero particolari, sia la canzone che la direzione scelta. Non credo riscuoterà attenzione ma non credo nemmeno a lei importi

Rispondi
Alex 11 Dicembre 2015 at 22:23

Allora, premetto che Will Smith è uno dei miei attori preferiti, però i suoi figli sono insopportabili.
Questa Willow secondo me non ha talento, se se la sua prima canzone ha avuto successo è SOLO grazie al cognome che porta. Nei prossimi giorni sono sicuro al 100% che se ne parlerà di Willow non per la musica che ha pubblicato (che è discutibile) ma perché si chiama Smith. Poi l’altro figlio di Will, Jaden, che sembra faccia l’attore (ahahaha) è più antipatico della d’Urso e Bieber messi insieme (vi ricordo che tutti i lavori che ha fatto nel cinema e tv, sono tutte robe prodotte dal padre).

Mi stanno antipatici tutti i “figli di…” che utilizzano il nome del padre/madre per spiccare. Ci sta che uno voglia seguire le orme del genitore, ma se non c’è la sostanza perché continuano ad insistere?
Mi da fastidio che la RocNation investa su questa Willow, quando la fuori ci sono centinaia di persone a cui basta uno sbadiglio rumoroso per mangiarsi a questa qua, persone che faticano a farsi conoscere, persone che non sono RACCOMANDATE!!!!

Rispondi
Umberto Olivo 12 Dicembre 2015 at 12:00

ma guarda che willow sa cantare eh. sono il primo io a dire che è diventata famosa solo perché figlia di, ma che non abbia talento non è vero. quello è il fratello, che non se faccia più schifo come rapper o come attore, ma lei no. certo, debuttare a 10 anni fu una cosa assurda, da condannare, ma soffermandosi prettamente sulla voce non le si può dire molto

Rispondi
alexxxandre 11 Dicembre 2015 at 20:25

ARDIPITHECUS>>>>>>>>>>>>>>>>>>>Miley Cyrus & her dead petz

Rispondi
Luca Verducci 11 Dicembre 2015 at 20:00

Io lo sto ascoltando ora, vorrei solo fare un piccolo appunto: l’album è quasi tutto prodotto da lei

Rispondi
Michael 11 Dicembre 2015 at 19:52

Promossa a pieni voti.
Trovo la svolta di Willow Smith verso queste sonorità qualcosa di assolutamente positivo, nonchè ben riuscito e confezionato.
Il teen pop, fatto da ragazzine molto giovani in questo momento funziona davvero poco e lei che ha le possibilità fa bene a seguire quello che è lei artisticamente.

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.