Justin Timberlake – FutureSex / LoveSounds | Recensione Album

0 299

Recensione del disco di Justin Timberlake “FutureSex LoveSounds”

Mr. Timberlake non ha inserito nemmeno una riga per i ringraziamenti nel booklet del suo ultimo (capo)lavoro, “FutureSex / LoveSounds”: un album freddo, distaccato, eppure terribilmente affascinante.

Un lavoro che riesce a racchiudere le due anime della musica R&B. Da una parte il FutureSex: beat ipnotici (Lovestoned), di quelli che ti entrano subito in testa (MyLove); dall’altra i LoveSounds: ballate e mid-tempo, dolci e orientaleggianti (Until The End Of Time) piuttosto che toccanti e romantiche (All Over Again).

La ritrovata produzione di Timbaland convince appieno: il produttore del momento confeziona 12 tracce stringate e compatte, una scaletta riuscita e senza sbavature, per di più arricchita da tanto curati quanto piacevoli intermezzi (I Think She Knows, su tutti).

Anche Justin ne esce promosso: non abusa del suo irritante falsetto come un tempo, riuscendo a tenere banco un pò in tutti i contesti… ebbene si, anche il fidanzatino di Britney è cresciuto (l’unica che fa fatica a riprendersi sembra sia proprio la Spears), pronto ad entrare nell’olimpo dei più grandi, proprio grazie alle vendite di questo suo ultimo “FutureSex / LoveSounds”, stratosferiche in USA come nel resto del mondo.
Allora tutto liscio a questa tornata per il caro Justin, direte voi… e invece no, anche se completo e virtualmente perfetto, dopo qualche ascolto l’album stanca: è poco sentito, non c’è passione.

Sapete, ascoltantolo sembra quasi di trovarsi all’interno di un maestoso, ultra-teconologico, strapieno centro commerciale, uno di quelli dove trovi tutto ciò di cui hai bisogno; uno di quelli in cui, però, dopo un’ora in mezzo alla folla ti viene voglia di uscire fuori a prendere un po’ d’aria fresca per farti passare quella strana nausea… magari prendendo il tuo iPod per ascoltare “I Want U Back”, giusto per riportare alla memoria i tempi degli NSync, in cui il nostro Justin forse era un pò ingenuotto, ma anche molto meno snob e “artificiale”… insomma, meno “antipatico”.

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!

Lascia Risposta

La tua email non verrà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.