Lady Gaga: ecco la toccante lettera che parla di malattia mentale e suicidio

Il 10 ottobre, Giornata Mondiale della Salute Mentale, la star statunitense ha pubblicato una lettera trattante il delicato tema della salute mentale sul sito del giornale The Guardian, volta a sensibilizzare le persone su un argomento spesso non trattato adeguatamente

0 1.522

È un periodo d’oro per Lady Gaga, il suo debutto cinematografico con il film A star is born si sta già rivelando un successo, ma la star di origini italiane ha deciso di sfruttare questa grande visibilità per trasmettere un importante messaggio a tutte le persone

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, ricorrenza celebrata il 10 ottobre di ogni anno sin dal 1992, Lady Gaga ha pubblicato una lettera profonda scritta a quattro mani insieme al presidente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Si tratta del dottore Tedros Adhanom Ghebreyesus, la lettera é stata pubblicata su The Guardian allo scopo di sensibilizzare le masse riguardo ad un argomento delicato e spesso trattato superficialmente.

Lo scritto si apre con una frase scioccante ma che rappresenta la triste realtà:

Quando avrai finito di leggere questo, almeno sei persone si saranno uccise in tutto il mondo.

Lady Gaga prosegue poi evidenziando la rilevante cifra delle persone morte suicide ogni anno e citando due tra le perdite che hanno fatto più scalpore negli ultimi mesi, ovvero Anthony Bourdain, cuoco e scrittore che aveva una relazione con Asia Argento, e Kate Spade, stilista e imprenditrice:

Quelle sei sono una piccola frazione delle 800.000 persone che si uccideranno quest’anno – più della popolazione di Washington DC, Oslo o Città del Capo.

A volte sono nomi famosi come Anthony Bourdain o Kate Spade che fanno notizia, ma sono tutti figli o figlie, amici o colleghi, preziosi membri di famiglie e comunità.

Evidenzia inoltre come il suicidio sia solamente l’ultimo dei sintomi, quello massimo e più evidente:

Il suicidio è il sintomo più estremo e visibile della più grande emergenza di salute mentale che finora non abbiamo affrontato adeguatamente.

Stigmatizzazione, paura e mancanza di comprensione aggravano la sofferenza delle persone colpite e impediscono l’azione coraggiosa che è così disperatamente necessaria e attesa da troppo tempo.

Sono molti coloro che hanno a che fare con le malattie mentali, e il suicidio risulta essere una delle principali cause di morte tra i giovani:

Uno su quattro di noi dovrà affrontare una condizione di salute mentale ad un certo punto della propria vita, e se non siamo direttamente interessati, è probabile che lo sia qualcuno a cui teniamo.

I nostri giovani sono particolarmente vulnerabili, con il suicidio che è la seconda principale causa di morte a livello globale tra i 15 e i 29 anni e la metà di tutte le malattie mentali a partire dall’età di 14 anni.

Il più delle volte però questo problema è trascurato per timore di toccare corde sensibili o per imbarazzo:

Tuttavia, nonostante l’universalità del problema, facciamo fatica a parlarne apertamente o ad offrire adeguate cure o risorse. All’interno delle famiglie e delle comunità, spesso rimaniamo zittiti da una vergogna che ci dice che quelli con malattia mentale sono in qualche modo meno degni o in colpa per la loro stessa sofferenza.

Destabilizzanti i dati che rivelano quanta poca attenzione ricevano le malattie mentali, quanto poco interesse vi sia al riguardo:

Attualmente la salute mentale riceve meno dell’1% degli aiuti globali. I finanziamenti nazionali su prevenzione, promozione e trattamento sono altrettanto bassi. Al momento, ogni nazione del mondo è un paese in “via di sviluppo” in merito alla salute mentale.

Lady Germanotta invia però un messaggio di speranza ed esorta ad aiutare coloro che sono affetti da malattie mentali o lo saranno in futuro, anche noi possiamo contribuire attivamente per affrontare questo problema:

Tutti possiamo aiutare a costruire comunità che comprendano, rispettino e diano priorità al benessere mentale. Tutti noi possiamo imparare come offrire supporto alle persone care che attraversano un momento difficile.

E tutti possiamo far parte di un nuovo movimento – incluse le persone che hanno affrontato personalmente la malattia mentale – per chiedere ai governi e all’industria di mettere la salute mentale al primo posto nel loro programma.

Parole che fanno riflettere quelle di Lady Germanotta e del dottore Ghebreyesus, che dimostrano come il problema non sia così distante da noi come sembra, e come sia necessario combattere la poca consapevolezza.

Voi eravate a conoscenza di questi dati e della gravità della situazione a livello mondiale?

Pensate che la voce di personaggi influenti come Lady Gaga possa contribuire a dare una svolta significativa in modo tale che questi argomenti non siano più considerati tabù?

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!

Lascia Risposta

La tua email non verrà pubblicata

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.