Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Melanie Fiona – The Bridge (Recensione CD)

0 151

CD della settimana, recensione disco: Melanie Fiona – The Bridge

Sono ancora deliziato dal suo ricordo, infatti alcune settimane fa io e Sam del forum abbiamo avuto la possibilità di conoscere ed intervistare Melanie Fiona, la cantante canadese di origini guyanesi è diventata famosa per la sua hit “Give It To Me Right”, che è anche l’apripista del suo album “The Bridge”…

cover_the-bridge

“The Bridge” viene descritto come il ponte che unisce culture ed influenze musicali! Proprio così, il progetto è un ponte tra sonorità, che per la gran parte richiamano al passato, ma con influssi diversi, dal soul, al blues, al reggae…

Insieme a Drake è uno dei nomi di spicco della new vague di cantautori canadesi di Toronto, proprio nell’intervista, Ms.Fiona ha parlato molto bene della sua città, della sua apertura mentale, e della nascita di nuove stelle, non a stelle e striscie! :)

“Give It To Me Right” è il primo singolo, sensuale, ipnotico, penetrante! Un pezzo notevole, che rimane in testa e che in poco tempo è riuscito a fare innamorare il pubblico italiano! La voce di Melanie si insinua nelle viscere, quando canta “give it to me right… or don’t give it to me at all”… dammelo giusto, o non darmelo per niente.. tradotto alla benemeglio! Gioca bene le sue carte sensuali, senza cadere nello scontato o nel volgare.

“Bang Bang”, come tante delle sue canzoni, è un remake nei beat, questo pezzo è energetico e grintoso, e va sul vagone delle tendenze retro (Wino, Sullivan, Duffy). Probabilmente verrà scelto come singolo! Bellissima lei allo showcase dove ha improvvisato una coreografia molto 60’s alla “Not Anymore” di Letoya!

“Monday Morning”… per me la perla assoluta del disco! Il pezzo tormentoso parla di una ragazza, che lascia tutto per rivoluzionare la sua vita… un pezzo che mi aiuta a migrare da cattivi pensieri che ancora sono annidati dentro di me! In fondo la musica aiuta un po’ in tutto! Penso che questo pezzo piace molto anche a Sam, visto che ci ha lasciati per andare in Olanda! :P Ma so che c’è e ci guarda! Mandiamole un bel in bocca al lupo!

“Please Don’t Go (Cry Baby)” anche qua, anche se meno incisiva di altri pezzi, una canzone che richiama il passato e le produzioni 60-70. “Ay Yo” ha delle ritmiche più calde e caraibiche, con degli horn lenti che accompagnano la pacatezza vocale di questa canzone molto “chilled”. “Walk On By”, altro pezzo che mi piace particolarmente, prodotto da Andrea Martin che ha peraltro prodotto anche il primo singolo. “You Stop My Hearth” anche qua andiamo a richiami sonori del passato, Melanie si diletta in un pezzo passionale e romantico, purtroppo il suo range vocale è ancora da migliorare, il pezzo non mi piace granchè.. un po’ melense e poco brillante. “Johnny” parte con degli scratch, allegra e veloce si butta in velocità, e parla di questo ragazzo di nome Johnny… del quale pare la nostra Melanie sia molto presa :P

Sad Song”, tranquilla, e zeppa di ritmi caraibici, una bella variazione di stile, in un disco che perlopiù va ad abbracciare il passato… un pezzo tranquillo da pulizia la mattina di una domenica di luglio…, “Priceless” altra perla di canzone, parla di amore a distanza. Ottima performance vocale secondo me in questo pezzo… come anche in “It Kills Me” dove Mel tira fuori la sua parte più soulful. Chiude questo bel debut album “Teach Him” un’altro pezzo  che mischia soul-rnb e l’acoustica che mi ricorda molto “Spanish Guitar” della Braxton.

Melanie mi piace, ma spero che proverà altre varianti nei prossimi album! Purtroppo la “moda” del retrò sta cominciando a dare sui nervi, e si fa fatica a capire chi ha veramente grinta  e talento, e chi invece si trova tra le mani dei pezzi winehousiani solo per sfornare qualche hit! Di certo vi sono due correnti nella musica ben distinte, chi ricicla il passato, e chi sforza oltremodo il futuro mescolando la musica black con l’elettronica più pesante. Nella sua intervista aveva anche dichiarato di voler lavorare con Ryan L., un personaggio totalemnte differente dai suoi canoni attuali!

Il CD è di ottima fattura, pur non essendo il mio genere preferito. Rating 3.5/5

Potete cliccare qua per leggere l’articolo sulla nostra intervista curato da Sam (Blackmutya). E potete collegarvi al thread del forum sotto categoria R&B per discutere ulteriormente del suo album di debutto.

Ecco la tracklist del disco:

1. Give It To Me Right
2. Bang Bang
3. You Stop My Heart
4. Monday Morning
5. Please Don’t Go (Crybaby)
6. Priceless
7. Walk On By
8. Love That’s Official
9. Ay Yo
10. It Kills Me
11. He’s Alright
12. Sad Songs
13. Teach Him