Sanremo 2020: pagelle seconda serata. Rancore perfetto, male Elettra

- Advertisement -

kika Fiorello Ricchi e Poveri Amadeus

L’edizione 2020 del Festival di Sanremo continua a macinare ottimi ascolti. Dopo il debutto positivo di martedì, la seconda serata della kermesse ha ottenuto

9.693.000 spettatori, pari al 53,3% di share.

Nel dettaglio: la prima parte (fino a mezzanotte) è stata vista da 12.841.000 spettatori con il 52,50% di share, mentre la seconda parte ha conquistato 5.482.000 spettatori con il 56,1% di share. Un anno fa Baglioni aveva raccolto nella seconda sera 9.144.000 telespettatori, pari al 47,3% di share. Per trovare una media migliore di una seconda serata bisogna tornare al 1995, quando il festival di Pippo Baudo raggiunse il 65.42%.

Sul palco ieri si sono esibiti 4 Nuove Proposte e gli altri 12 big dopo quelli della serata d’apertura. Fari puntati anche sulla controversa esibizione del rapper Junior Cally, che si piazza ultimo in tutte le classifiche. Per quanto riguarda i super ospiti invece sono tornati Fiorello e Tiziano Ferro, che ha duettato con Massimo Ranieri, ma anche Gigi D’Alessio e Zucchero.

Attesissima, poi, la reunion dei Ricchi e Poveri:

Angela Brambati, Franco Gatti, Marina Occhiena e Angelo Sotgiu, a 40 dal ritiro della bionda del quartetto, si sono cimentati in alcuni dei loro più grandi succesi, catapultando il pubblico negli anni Settanta.

Fiorello non ha potuto resistere e ha improvvisato un’esibizione al loro fianco, con tanto di standing ovation del pubblico in sala.

Ecco le pagelle della seconda serata:

6.5 Piero Pelù – “Gigante”: lui rock come sempre. Una garanzia. Ma nulla di più.

5.5 Elettra Lamborghini – “Musica (e il resto scompare)”: reggaeton sexy con un filo di twerking “e il resto scompare”. Letteralmente.

5 Enrico Nigiotti – “Baciami Adesso”: un’autobiografica dichiarazione d’amore. Molto romantico Nigiotti ma potrebbe fare di più.

7.5 Levante – “Tikibombom”: pop e ritmo per un brano che canta degli ultimi, di chi resta indietro e di quelli che vengono messi in disparte. Lei perfetta, bravissima.

7.5 Pinguini Tattici Nucleari – “Ringo Starr”: travolgente, ritmata, funky, pop. E cantando ”In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr” i Pinguini Tattici Nucleari diventano adrenalici, ironici e scoppettanti.

7 Tosca – “Ho amato tutto”: Tosca ha stile, personalità, classe e anima. Una canzone d’autore classica, dove la differenza la fa più la sua voce. Indiscutibilmente bravissima

7 Francesco Gabbani – “Viceversa”: Gabbani sa stare sul palco oltre che cantare, e la sua canzone degli ossimori è molto carina.

6.5 Paolo Jannacci – “Voglio parlarti adesso”: E’ bravo, simpatico ed elegante. Scrive alla figlia una lettera di impatto emozionale.

8.5 Rancore – “Eden”: un rap drammatico, articolato, su un tappeto sonoro strepitoso. Un brano pieno di storia e di vita che Rancore interpreta con forza. Rancore spacca (con annesso sparo finale). Secondo noi la migliore esibizione della serata.

7 Junior Cally – “No grazie”: si presenta sul palco senza maschera con un brano forte, ritmico, che urla vendetta. Testo interessante.

6 Giordana Angi – “Come mia madre”: dichiarazione d’amore di una figlia alla madre. Non male anche se appare come una cosa già sentita varie volte. Si poteva osare di più.

5.5 Michele Zarrillo – “Nell’estasi o nel fango”: la voce con i falsetti non eccelle più di tanto, e infatti il pezzo non decolla mai.

Potrebbe anche interessarti

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici Sui Social

Ultime Notizie

Sostienici! Metticii tra i tuoi favoriti su google news