Rnbjunk Musica
Gossip notizie video recensioni e traduzioni dei tuoi cantanti preferiti

Jay Z risponde a tutte le accuse nei confronti di TIDAL, e parla di complotti

jay-z-defends-tidal-twitter-rant

Per rispondere alla critiche nei confronti di Tidal che piovono ormai da tutte le parti (QUI TROVATE UNA LISTA DELLE PIU’ SIGNIFICATIVE ACCUSE MOSSE), Jay-Z è sceso in campo su Twitter per difendere la propria scelta nel portare avanti questo servizio.

Il sito HitsDailyDouble nelle ultime ore ha criticato pesantemente Tidal, affermando che la scelta di premierare la clip di Rihanna “American Oxygen” in esclusiva sulla piattaforma abbia determinato il flop commerciale del brano (QUI PER SAPERNE DI PIU’).

Anche l’evidenza sembra avvalorare le argomentazioni dei detrattori: ad oggi Tidal è fuori dalla top 700 delle app più scaricate negli Stati Uniti, un vero e proprio flop!

Secondo Jay sarebbe in atto una sorta di complotto per screditare l’impresa e portarla al fallimento, ha insinuato infatti che società rivali stiano pagando profumatamente siti e blog per criticare Tidal.

Leggete qui le parole di Jay-Z in difesa di Tidal:

“Tidal sta andando bene. Abbiamo più di 770mila iscritti. Siamo in pista solo da un mese. Siamo qui per la lunga corsa. Per favore dateci la chance di crescere e di migliorare.

Ci sono molte grandi compagnie che stanno spendendo milioni in campagne di affossamento. Noi non siamo contro nessuno, siamo dalla parte degli artisti e dei fan.

Abbiamo creato Tidal per i fans.  C’è più che semplice musica. Ci sono video, concerti in esclusiva, biglietti per gli eventi in anteprima, eventi sportivi,… Tidal è il posto in cui gli artisti possono dare di più ai propri fans senza intermediari.

Gli artisti Indie possono collaborare con noi, accettiamo al 100% la loro musica. Tidal paga il 75% delle royalties a TUTTI gli artisti, autori e produttori – non solo ai coazionisti.

Ricchi che vogliono arricchirsi? La regola vale per tutti… Youtube 390 miliardi. Apple 760 miliardi. Spotify 8 miliardi. Tidal 60 milioni.

Le nostre azioni parleranno più forte delle parole. Abbiamo creato Tidal per portare alla gente la migliore esperienza e per aiutare gli artisti per concederla ai fans ancora ed ancora…

Siamo umani (persino i Daft Punk ha), non siamo perfetti, ma siamo determinati.”

Cosa ne pensate di queste parole?

Esiste davvero un complotto per affossare Tidal da parte delle società rivali?

Ricevi le ultime notizie di Rnbjunk sul tuo browser, iscriviti ora!